BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Treni e disagi, i pendolari a Fontana: “Scelga un assessore all’altezza”

Il messaggio del Comitato Viaggiatori & Pendolari Lombardi al governatore della Regione: "Serve una guida autorevole ai trasporti"

Più informazioni su

“Ora serve una guida autorevole ai trasporti. Sia scelta la figura migliore per un Assessorato chiave come quello delle Infrastrutture e Mobilità”. È questo il messaggio che il Comitato Viaggiatori & Pendolari Lombardi rivolge al neo eletto governatore della Regione Lombardia, Attilio Fontana.

“Il tema del trasporto pubblico, in particolare ferroviario, è cruciale per la Lombardia – si legge in una nota -. Lo dicono i numeri: sono oltre 735 mila viaggiatori che quotidianamente si muovono in Lombardia sulla rete del servizio pubblico su ferro”.

Ma nonostante i numeri, che potrebbero essere ancora migliori, le cose non vanno bene. “Trenord appare sempre più in affanno sui fondamentali che abbiamo da tempo indicato come la causa principale dei disservizi: manutenzione dei mezzi e gestione del personale – prosegue il comitato -. La prima culminata il 25 Gennaio scorso con l’agghiacciante incidente di Pioltello (ma già da tempo denunciata dai viaggiatori sempre più esposti a condizioni di viaggio da terzo mondo), la seconda, causa di pesantissimi disagi che mai come negli ultimi 12 mesi hanno minato la tenuta stessa del sistema, con picchi di soppressioni nell’ordine dei 100 treni/giorno e disagi estesi a tutte le linee, direttrici e quadranti”.

Questo, dunque, l’appello rivolto a Fontana: “Serve una guida politica e una gestione di grande esperienza che sappia risollevare la situazione attuale – sostiene il comitato -, un Assessore che conosca bene i meccanismi, che riesca a mettere Trenord in condizioni di garantire un servizio adeguato e che dialoghi alla pari con i gestori delle infrastrutture RFI e FN. Ma serve soprattutto che Regione Lombardia torni ad esercitare, come in passato, il suo ruolo di programmazione e controllo sull’agire dell’azienda fornitrice del servizio. Ruolo questo necessario al fine di sopprimere sul nascere tutti quei comportamenti di Trenord in violazione degli obblighi che la stessa è tenuta ad onorare a seguito della sottoscrizione del noto ‘Contratto di servizio’. Dobbiamo riportare i servizi a performance migliori rispetto a quelle attuali e il sistema deve tornare a crescere in qualità e quantità sotto lo stimolo di una domanda sempre crescente. Lo chiedono i pendolari e i tutti i cittadini della Lombardia”.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.