Quantcast
Festival pianistico, a sorpresa concerto di Martha Argerich a Brescia - BergamoNews
L'esibizione

Festival pianistico, a sorpresa concerto di Martha Argerich a Brescia

La pianista regala un concerto in più del tutto inatteso al festival pianistico internazionale di Brescia e Bergamo. L'esibizione, che si terrà martedì 24 aprile a Brescia, si aggiunge alle date in cartellone sabato 21 aprile al Grande di Brescia e domenica 22 aprile al Sociale di Bergamo.

È Martha Argerich, icona del pianismo mondiale, a regalare un concerto in più del tutto inatteso al 55esimo festival pianistico internazionale di Brescia e Bergamo.

L’esibizione, annunciata come “Martha Argerich in residence”, si terrà martedì 24 aprile alle 21 al teatro Grande di Brescia ed è un evento eccezionale anche perchè negli ultimi 10 anni la pianista non ha tenuto nessun concerto come resident in Italia. Quindi, ha scelto il festival pianistico internazionale per questa rarità. Nell’occasione, la talentuosa e carismatica pianista argentina suonerà insieme alla Franz Liszt Chamber Orchestra diretta da Gábor Takács-Nagy. In programma Šostakovič: Concerto per pianoforte e orchestra n. 1.

“Siamo ancora più lusingati e felici quindi – afferma il direttore Pier Carlo Orizio – che Martha Argerich abbia scelto il festival pianistico per regalare al suo pubblico e a tutti noi qualcosa di veramente speciale. Erano dieci anni che non si concedeva in residence, cioè scegliendo una stagione e una manifestazione, frequentandoli per più giorni e con diversi eventi. Martha si fermerà a Bergamo e a Brescia, sarà una presenza carismatica in città”.

Il concerto si aggiunge ad altre due date che vedono protagonista Argerich, già inserite nel cartellone della manifestazione sabato 21 aprile alle 21 al teatro Grande di Brescia e domenica 22 aprile alle 21 al teatro Sociale di Bergamo. In questo doppio appuntamento accanto a lei sul palcoscenico ci saranno la Filarmonica del Festival diretta dal maestro Orizio e la pianista Theodosia Ntokou. In programma “Šostakovič: Concerto per pianoforte e orchestra n.2, op.109”, “Prokof’ev: Sinfonia n.1 “Classica”, op.25” e “Beethoven: Concerto per pianoforte e orchestra n.1, op.15”.

Chi non riuscisse quindi ad assicurarsi il biglietto per i concerti del 21 e 22 aprile, ha così un’altra possibilità per ascoltare la pianista. Esibizioni potenti e una personalità misteriosa fanno di questa artista dall’umanità profonda una delle figure più atipiche sulla scena mondiale della musica classica.

Martha Argerich, nata a Buenos Aires nel 1941, iniziò a studiare con la madre, insegnante di pianoforte. L’esordio in concerto avvenne precocemente, all’età di 5 anni. Fu insomma una vera e propria enfant prodige che non tradì però le aspettative ma anzi le superò alla grande. Trasferitasi in Europa divenne allieva di artisti del calibro di Friedrich Gulda, Nikita Magaloff e Arturo Benedetti Michelangeli. E proprio in virtù del suo rapporto con il maestro arrivò al Festival Pianistico Internazionale la prima volta già nel 1967. E poi ancora nel 1973, (1983), (1988), 1996, 1999, (2000), 2001-04, 2017.
Molto  apprezzata per le sue esecuzioni  della letteratura virtuosistica per pianoforte del XIX e  XX secolo, ha un repertorio molto ampio che spazia da Bach a Bartok, da Beethoven a  Messiaen, e comprende anche Chopin, Schumann, Liszt, Debussy, Ravel, Franck, Prokofiev, Stravinsky, Shostakovitch e Tchaikovsky. La sua discografia è molto ampia e include i principali capolavori della letteratura pianistica.

Le sere del 21 e 22 aprile il pubblico avrà modo di apprezzare anche la pianista greca Theodosia Ntokou che si esibisce nelle sale da concerto più prestigiose del mondo dall’età di dodici anni.
Ha debuttato alla Carnegie Hall di New York nel 2006, alla Berliner Philharmonie nel 2007, e suona regolarmente in tutta Europa, in America e in Asia collaborando come solista con numerose orchestre tra cui i Berliner Symphoniker, i Berliner Sinfonietta, l’Orchestra Nazionale Greca.
Dal 2009, si è perfezionata proprio sotto l’ala protettrice di Martha Argerich, il cui ruolo di talent scout e la vocazione per la formazione dei giovani pianisti sono ben noti.

Informazioni per il pubblico
Due le tipologie di abbonamento per il 2018:
– Ordinario: comprende 10 concerti al Teatro Grande (19, 21, 28 aprile, 5, 7, 14, 20, 25, 27, 31 maggio), 1 concerto all’Auditorium San Barnaba a scelta tra il 10 e il 12 maggio ed il concerto al Teatro degli Arcimboldi.
– Plus (a numero limitato) comprende 11 concerti al Teatro Grande (19, 21, 24, 28 aprile, 5, 7, 14, 20, 25, 27, 31 maggio), 1 concerto all’Auditorium San Barnaba a scelta tra il 10 e il 12 maggio ed il concerto al Teatro degli Arcimboldi.

Giorni di vendita: biglietteria del Teatro Grande
– Vecchi sostenitori – martedì 13 marzo dalle 13.30 alle 19;
– Nuovi sostenitori – mercoledì 14 marzo dalle 13.30 alle 19;
– Vecchi abbonati – venerdì 16, martedì 20 e mercoledì 21 marzo dalle 13.30 alle 19;
– Nuovi abbonati – martedì 27 marzo dalle ore 13.30 alle 19.

Alla sottoscrizione dell’abbonamento, sarà possibile acquistare i biglietti per i concerti al Museo Diocesano (4, 6, 8 giugno), al Teatro Romano (11, 13, 15, 16 giugno) e il servizio di trasporto per gli Arcimboldi.

Per gli abbonati questo concerto del 24 aprile è inserito esclusivamente nell’abbonamento Plus.

Per avere ulteriori informazioni e per consultare il calendario completo del festival accedere al sito www.festivalpianistico.it oppure telefonare al numero 030/293022.

 

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI