Quantcast
Udienza Ubi Banca: i diari di Lucchini? "Genuini, destinati a se stesso" - BergamoNews
In tribunale

Udienza Ubi Banca: i diari di Lucchini? “Genuini, destinati a se stesso”

Un’udienza preliminare molto interessante quella di venerdì 2 marzo al Tribunale di Bergamo, interessante anche per il Gup, il Giudice per le indagini preliminari, Ilaria Sanesi.

Un’udienza preliminare molto interessante quella di venerdì 2 marzo al Tribunale di Bergamo, interessante anche per il Gup, il Giudice per le indagini preliminari, Ilaria Sanesi.

Interessante e atteso l’intervento dell’avvocato Roberto Bruni che, ancora una volta, ha chiarito la posizione del commercialista Italo Lucchini, membro del consiglio di gestione di Ubi Banca, il quale era già stato stralciato dall’indagine su Ubi Leasing e la famosa barca di Giampiero Pesenti.

Molto rumore per nulla, verrebbe da sottolineare scomodando William Shakespeare. Tanto clamore per nulla anche per le imputazioni rimaste, patti occulti e mancate comunicazioni, capi d’imputazione sui quali l’avvocato Bruni ha dimostrato la debolezza e l’insussistenza dell’accusa.

Sui famosi diari che giornalmente teneva Italo Lucchini, Bruni ha sottolineato: “Sono genuini, perché non avevano altro fine che essere destinati a se stesso”.

Il racconto dei fatti corrisponde a chi quel fatto glielo ha raccontato, nel caso non fosse direttamente presente. E “da questi diari emergono anche i contrasti con il professor Giovanni Bazoli”, ha fatto notare l’avvocato Bruni, con lo stesso presente in aula per tutta l’udienza.

Prima di Bruni l’avvocato Giuseppe Iannaccone per Antonella Bardoni ha ricordato che nulla di fraudolento era intervenuto per la raccolta delle deleghe. Inoltre la sua assistita ha appreso di essere stata scelta come candidata a marzo 2013. E l’accusa per una serie di bonifici si riferiva ad almeno quattro mesi prima.

Da ultimo l’Avvocato Vittorini associato in studio con l’assistita Francesca Bazoli, figlia del banchiere Giovanni Bazoli, ha concluso con un velo di commozione, dopo aver citato le migliaia di intercettazioni anche di carattere personale a cui era stata sottoposta Francesca Bazoli. Finite con facilità sui giornali.

In realtà non si capisce, ha fatto osservare Vittorini, come Francesca Bazoli sia finita nell’inchiesta, per fatti all’epoca dei quali non era nemmeno membro del Consiglio di sorveglianza di Ubi Banca.

L’udienza è terminata alle 13.15, la prossima è fissata per venerdì 9 febbraio quando sono attesi in aula gli avvocati di Giovanni Bazoli e l’ex-ministro Paola Severino, legale che difenderà la Banca.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI