Mezza Quaresima, premiato il Carnevale di Bergamo: tra i 15 storici d'Italia - BergamoNews
La presentazione

Mezza Quaresima, premiato il Carnevale di Bergamo: tra i 15 storici d’Italia

Arriva il riconoscimento da parte dell’Associazione Carnevalia quale evento di carattere nazionale. Ecco le novità dell'edizione 2018

L’atteso “Rasgamènt de la Ègia” e la coloratissima Sfilata di Mezza Quaresima sono divenute ormai un caposaldo della tradizione popolare orobica, che il Ducato di Piazza Pontida porta avanti dal 1924.

Molte le novità di questa nuova edizione, come ha avuto modo di raccontare il Duca di Piazza Pontida Smiciatöt Mario Morotti: tra queste spicca senza dubbio il riconoscimento del Carnevale orobico di mezza Quaresima da parte dell’Associazione Carnevalia, quale evento di carattere nazionale. Grazie a questo riconoscimento, il Carnevale di Bergamo entra a far parte dei 15 storici Carnevali d’Italia, insieme a prestigiosi carnevali, come quello di Venezia, Acireale e Putignano.

Il programma 2018 si apre sabato 10 marzo in Piazza Matteotti, con l’atteso “Rasgamènt de la Ègia”, con il quale si mettono simbolicamente al rogo le brutture della città.

Quest’anno si prende di mira una problematica sempre più attuale e di difficile soluzione per le istituzioni, a vario livello: l’inquinamento ambientale e le sue cause.

Durante la serata verranno inoltre presentati i carri che parteciperanno alla parata.

Come accade ormai da alcuni decenni, gli allievi della Scuola d’Arte Andrea Fantoni hanno realizzato, con abilità, ironia e tanta fantasia, alcuni bozzetti che verranno esposti in Piazza Matteotti e dai quali si ricava l’effige della Ègia, che viene segata in questa tradizionale cerimonia.

La serata si concluderà con la premiazione degli autori dei bozzetti e con l’elezione della “Ègia piö bèla”, concorso al quale tutti i gruppi e carri iscritti alla sfilata sono invitati a partecipare.

La vincitrice aprirà la sfilata di domenica accanto al Duca di Piazza. A far da colonna sonora alla serata ci sarà la musica dal vivo della M. Street Band, un gruppo bergamasco composto da otto elementi.

Il giorno seguente, domenica 11 marzo, prenderà invece il via il momento più atteso e coinvolgente, quello della tradizionale Sfilata di Mezza Quaresima.

Tre colpi di cannone sparati dagli spalti delle Mura daranno il via alla parata, aperta dal Duca di Piazza Pontida e dalla Ègia piö bèla, seguiti da 75 tra carri, gruppi danzanti e tamburini. Un fiume di colori, maschere, volti e allegria, che si snoderà lungo le vie del centro cittadino.

Un momento importante che mantiene un vivace fascino carnevalesco e rende la città di Bergamo il luogo privilegiato nel quale il folklore e la cultura popolare trovano spazio per manifestarsi e acquisire nuovo valore anche nella modernità.

Per il primo anno anche nell’ambito della sfilata verrà coinvolto un istituto superiore della città, saranno infatti le ragazze della classe prima e terza dell’Associazione Scuola SILV, scuola di design di moda di Bergamo ad aprire la sfilata, indossando abiti creati da loro con materiali di riciclo. I capi, unici e originali, saranno abbinati alle spettacolari maschere dell’artista bergamasco Franz Cancelli.

Altra importante novità, comunicata proprio in conferenza stampa dal presidente di Oriocenter Giancarlo Bassi e dal direttore Ruggero Pizzagalli, la messa in palio da parte del centro commerciale di 3 gift card del valore di 500 euro ciascuna, che andranno ai carri allegorici che si classificheranno ai primi tre posti.

Loc

PROGRAMMA

Sabato 10 marzo 2018

IL NOSTRO FOLCLORE

Ore 15 Palazzo della Provincia

Ritrovo dei Gruppi Folcloristici Bergamaschi ed inizia sfilata sino a raggiungere Piazza Pontida

PERCORSO: Sentierone di Bergamo, Via XX Settembre, Via S. Orsola e Largo Rezzara).

I GRUPPI PARTECIPANTI: Il Coro del Ducato di piazza Pontida, la Compagnia del Re Gnocco di Mapello, la Garibaldina di Terno d’Isola, i Sifoi di Bottanuco, Arlecchino di Sorisole – Bergamo, la Baghèt Band di Bonate Sopra, i Costom de Par di Parre, Arlecchino Bergamasco di Bergamo, Ie Taissine di Gorno, la Lampiusa di Parre, i Gioppini di Bergamo e l’Orobico di Bergamo.

IL FOLCLORE DEGLI ALTRI

Ore 17 Oriocenter

All’interno del Centro Commerciale esibizione di gruppi Folk stranieri

Ore 18 Piazza Matteotti MOSTRA BOZZETTI

Inaugurazione della mostra dei bozzetti “ÈGIA 2018” realizzati dagli studenti della Scuola d’Arte Andrea Fantoni. Dalle ore 18,00 alle ore 20,00 gli studenti stessi saranno presenti per illustrare al pubblico i loro bozzetti.

Ore 19.30 Piazza Matteotti ELEZIONE MISS “ÈGIA PIO’ BELA 2018”

Musica dal vivo con la con la M. Street Band;

Presentazione dei carri che parteciperanno alla sfilata della domenica ed elezione de

“LA ÈGIA PIO’ BELA – MISS ORIOCENTER 2018 ”;

Recita della poesia del “Rasgamènt de la Ègia”;

Premiazione autori bozzetti “Ègia 2018”;

Rasgamènt de la Ègia.

Domenica 11 marzo 2018

Dalle 10 alle 12 (sotto i portici lato sede del Ducato di P.P.), gli studenti della Scuola d’Arte Andrea Fantoni saranno presenti per illustrare al pubblico i loro bozzetti.

SFILATA Dl MEZZA QUARESIMA

Ore 10 – 14: Ammassamento dei 75 tra Carri/Gruppi in Piazza Marconi (piazzale FF.SS. – Autolinee) e nelle Vie Bonomelli e Bono.

Ore 15: Inizio della sfilata con partenza dall’inizio di Viale Papa Giovanni XXIII termine in Piazza Pontida e scioglimento in Via Broseta. –

Ore 18.30: (termine previsto per la sfilata) Piazza Matteotti:

Premiazione dei Carri/Gruppi da parte del Duca Smiciatöt del Ducato di Piazza Pontida e della rappresentanza Comunale;

Ore 19.30: Fine manifestazione.

N.B. – In caso di pioggia sabato 10 marzo, lo spettacolo si svolgerà ad Oriocenter e il Rogo della Vecchia verrà posticipato a domenica 11 marzo, al termine della sfilata. In caso di pioggia domenica 11 marzo la sfilata verrà posticipata alla settimana successiva (domenica 18 marzo 2018).

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it