BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Atalanta, il match con la Sampdoria d’importanza vitale per tornare in Europa

Con i blucerchiati il primo di una serie di scontri diretti per tornare nella competizione che tanto ha appassionato i tifosi nerazzurri in questa stagione

Domenica, contro la Sampdoria, servirà la migliore Atalanta. Perché tornare in Europa League si può, già da quest’anno.

La squadra di Gasperini ha dimostrato di poter tenere testa alle big della Serie A anche giocando tre competizioni contemporaneamente. Ora, che ne è rimasta solo una, tutto può essere solo più semplice. Gli uomini a disposizione ci sono, fin troppi per una partita alla settimana. Ma l’abbondanza in questi casi non è certo un problema.

L’importante è non subire un contraccolpo psicologico. Le sconfitte con Borussia Dortmund in Europa e Juventus in Coppa Italia hanno sicuramente lasciato l’amaro in bocca, soprattutto per come sono maturate. Sfortuna, qualche errore di troppo e un po’ di sviste arbitrali. Ma guardare indietro è inutile in questo momento e pensare al futuro rappresenta un’occasione: un traguardo importante da raggiungere esiste ed è il settimo posto a fine stagione.

Perché se – un anno fa – tornare in Europa dopo ventisette anni sembrava un sogno, farlo per due stagioni consecutive può proiettare questa squadra per sempre nella storia dell’Atalanta. “Giocano due volte a settimana andranno in Serie B”, si diceva. E invece no.

Domenica c’è il primo di una lunga serie di scontri diretti. Come detto servirà la migliore Atalanta della stagione, la stessa vista nelle coppe o lo un anno fa quando la classifica diceva quarto posto. Sarà una lunga cavalcata fino a maggio e attualmente la classifica dice che i nerazzurri dovranno recuperare sei punti a una tra Sampdoria e Milan per qualificarsi, ma va dimenticato che la squadra di Gasperini ha una partita in meno, quella con la Juventus che si giocherà a Torino il 14 marzo.

Le possibilità ci, ora la parola passa al campo. Gasperini è pronto a mettere nella formazione tutti i titolatissimi, consapevole che sarà un’occasione importante per accorciare il gap e tornare a sognare. Ancora una volta.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.