BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Foppolo, la Regione revoca il prestito da 2,5 milioni

Lo ha stabilito la Giunta nel corso dell'ultima riunione del mandato. Per i bilanci in rosso del Comune, l'ennesima brutta notizia

Revocato il finanziamento da 2,5 milioni di euro che Finlombarda aveva concesso al Comune di Foppolo a causa della mancata realizzazione della cabinovia Ronchi-Montebello.

Lo ha stabilito la Giunta del Pirellone, nel corso dell’ultima riunione del mandato: la delibera è passata lunedì 26 febbraio su proposta dell’assessore all’Economia, Massimo Garavaglia.

Praticamente un atto dovuto: la situazione finanziaria del Comune dell’alta valle versa già in condizioni critiche, resta da capire quanto il provvedimento inciderà sul piano di riequilibrio finanziario che l’ente dovrà sottoporre alla Corte dei Conti, che nell’attesa ha vietato all’amministrazione ogni spesa al di fuori di quelle obbligatorie per evitare il dissesto.

Alla luce dell’ultimo provvedimento preso in Regione, restano legittime alcune domande: il contratto per il finanziamento regionale fu stipulato il 7 ottobre 2016. Allora, la situazione debitoria del Comune e della partecipata Brembo Ski erano già note. Alla luce di quanto sta emergendo dall’inchesta, condotta dalla Procura di Bergamo, sorge quasi spontaneo chiedersi perchè erogare una somma milionaria ad un ente che a distanza di pochi mesi sarebbe finito sull’orlo del default? Ma, soprattutto, che ne sarà del Comune di Foppolo?

L’amministrazione, guidata dal sindaco Giuseppe Bererà, dovrà predisporre il definitivo piano di rientro finanziario entro la primavera, in concomitanza dell’approvazione del bilancio. Sarà poi compito dei giudici contabili della Corte dei Conti esaminare il tutto per un’eventuale approvazione.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.