BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Zogno, furto notturno in tabaccheria: maxi bottino da 40mila euro

I carabinieri stanno analizzando le immagini delle telecamere per risalire ai responsabili. La titolare: "Ora abbiamo paura"

Furto notturno alla tabaccheria Tiraboschi di Zogno. Nella notte tra domenica 18 e lunedì 19 febbraio, ignoti hanno fatto irruzione nel negozio di via Mazzini e hanno portato via sigarette e merce varia per un bottino di circa 40mila euro.

Secondo la ricostruzione dei carabinieri di Zogno, che hanno analizzato le immagini delle telecamere di sorveglianza, i malviventi sono entrati in azione intorno alle 4. Erano in tre. Due facevano da palo, mentre il terzo ha forzato una portafinestra che si trova sul retro. Dopo aver smantellato una persiana, ha smontato il vetro, senza romperlo per evitare di fare rumore. Infine, utilizzando una cesoia elettrica, ha segato la sbarra metallica realizzando un buco di circa un metro di diametro.

I ladri si sono quindi introdotti nella tabaccheria passando da lì e hanno fatto razzia di stecche di sigarette, Gratta e vinci e articoli di merceria e profumeria. La refurtiva, per un valore complessivo di circa 40mila euro, è stata raccolta in grossi sacchi che i malviventi si erano portati con sé. Poi la fuga, nel buio della notte, senza essere notati da nessuno.

La scena è stata però ripresa da alcune telecamere di sorveglianza della zona. I carabinieri stanno analizzando le immagini per risalire ai responsabili.

La tabaccheria Tiraboschi è un’attività storica a Zogno, come spiega la titolare Marina Tiraboschi, che con il marito abita al piano superiore: “È da quasi cento anni che siamo aperti – le sue parole – prima con le gestione dei miei genitori e poi la mia. Non era mai successo nulla di simile. Solo un tentato furto l’anno scorso. Stanotte non abbiamo sentito nulla. Tra l’altro mi sono alzata verso le  tre per andare in bagno ed era tutto tranquillo. Non nego che un po’ di paura ora c’è. Abbiamo presentato denuncia, speriamo si possa risalire agli autori”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.