BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il Giro d’Italia U23 si fermerà a Bergamo per due tappe: a Orio e a Mornico

Il gruppo si fermerà a Orio al Serio il 9 giugno e ripartirà il giorno dopo da Mornico verso il Passo Maniva

Se il Giro d’Italia sfiorerà soltanto la provincia di Bergamo con una tappa nella vicina Iseo, a render protagonista il nostro territorio sarà il Giro d’Italia Under 23, prestigiosa gara a tappe, fra le più ambite fra gli aspiranti professionisti.

La competizione è stata presentata nella giornata di lunedì 19 febbraio a Roma, alla presenza del ministro dello sport Enrico Lotti, dei vicepresidenti del CONI Alessandra Sensini e Franco Chimenti e del presidente della Federazione Ciclistica Italiana (FCI) Renato Di Rocco e vedrà l’arrivo della terza tappa ad Orio al Serio, nei pressi del Centro Commerciale “Orio Center”, mentre il giorno successivo si ripartirà da Mornico al Serio.

Due tappe, previste rispettivamente nella giornata del 9 e del 10 giugno, daranno già i primi verdetti, in particolare nel caso della Mornico al Serio-Passo Maniva di 127,9 km, quando i giovani ciclisti chiuderanno sul primo vero arrivo in salita, mentre nel caso della Rio Saliceto-Orio al Serio di 160,8 km si tratterà con ogni probabilità di una tappa adatta alle ruote veloci.

Il Giro d’Italia Under 23 partirà da Forlì giovedì 7 giugno con un cronoprologo e si concluderà a Ca’ del Poggio (TV) nella giornata di sabato 16 giugno, dopo 1191 km da percorrere e numerose salite da scalare, fra le quali gli storici arrivi di Folgaria, Pian delle Fugazze, che hanno fatto la storia del ciclismo professionistico, ma anche la scalata al Monte Grappa, luogo divenuto celebre come centro di combattimento nel corso della Prima Guerra Mondiale.

Al via della corsa rosa vi saranno 29 formazioni, 14 straniere e 15 italiane, fra le quali si presume saranno presenti le bergamasche Team Colpack e Team Palazzago, che con i propri atleti proveranno a succedere al russo Pavel Sivakov, vincitore dell’edizione 2017.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.