BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ortofrutta

Informazione Pubblicitaria

Pugliesi e campane, al mercato protagoniste le cime di rapa

Ortaggio di stagione, sono le cime di rapa il prodotto della settimana al mercato ortofrutticolo bergamasco. La loro disponibilità sulla piazza è ottima: per la propria spesa dal fruttivendolo o dall’ambulante di fiducia si possono trovare sia pugliesi sia campane, ciascuna con le proprie peculiarità, ma entrambe hanno tra i loro estimatori una clientela particolarmente legata alla cucina tipica dell’Italia meridionale.

Ipocaloriche e sazianti vantano diverse proprietà benefiche per la salute e il benessere dell’organismo. Innanzitutto, sono una buona fonte di minerali, calcio, fosforo e ferro, ma non mancano di vitamine (A, B2 e C). Inoltre, svolgono una preziosa azione antiossidante e vengono considerate utili per le donne in gravidanza perché contengono acido folico, che aiuta nella prevenzione di alcune malformazioni congenite.

Sono alleate contro l’anemia, proteggono e rinforzano le ossa, hanno una funzione disintossicante e aiutano il corpo a depurarsi dai metalli e dalle tossine. Ma non è tutto: svolgono un’azione energetica e questo le rende indicate per chi è convalescente, di costituzione debole o per chi sta affrontando periodi di stress. Secondo alcune ricerche, poi, contribuirebbero a prevenire la formazione di tumori al seno, stomaco, prostata, esofago, pancreas e colon, concorrerebbero a tenere sotto controllo la pressione, il colesterolo e il diabete, ma anche a proteggere l’apparato cardiocircolatorio e a migliorare la circolazione sanguigna.

In cucina vengono adoperate per svariate ricette: si possono consumare stufate, cotte al vapore e per preparare le orecchiette, specialità pugliese e piatto per eccellenza con questo ingrediente.
Sono ottime per il ripieno delle torte salate e come condimento per primi e secondi piatti, abbinandosi perfettamente con pastasciutta e risotto, salsiccia, carne bianca (pollo, faraona e tacchino), pesce, molluschi e crostacei.

Un consiglio: quando si acquistano, bisogna scegliere quelle ben compatte, con steli sodi e sottili, infiorescenze chiuse e senza parti gialle. Le migliori sono quelle che hanno le foglie consistenti e di colore verde brillante.

Dando uno sguardo più in generale al mercato ortofrutticolo, si nota che è sempre più che valida sia in termini di volumi sia di qualità l’offerta di arance siciliane. Alle varietà sinora disponibili se ne aggiungono alcune “minori” come Moro e Sanguinello.

Tra i mandaranci prevale nettamente la presenza del prodotto estero, perlopiù spagnolo, mentre risulta ancora particolarmente significativo il raccolto dei mandarini siciliani, anche se la richiesta da parte del consumatore non può dirsi di certo vivace.

Le compravendite di fragole evidenziano una tendenza positiva con quotazioni di tutto rilievo, i primi arrivi provenienti dalla produzione metapontina pare, almeno per questa settimana aver ravvivato l’interesse per la referenza.

I prezzi piuttosto alti, pur se giustificati dalla fisiologica carenza di mele, incidono negativamente sulle compravendite ed è per questo che inizia ad aumentare l’offerta di mele di categoria seconda, imperfette, ma comunque buone e reperibili a prezzi decisamente inferiori a quelli richiesti per il prodotto di prima scelta.

Passando al comparto orticolo, sono stabili i carciofi sardi, che si trovano con valori di mercato ancora bassi e quindi particolarmente vantaggiosi per il consumatore. Intanto, dopo settimane di quotazioni molto basse per i cavolfiori si rileva una leggera ripresa che potrebbe permettere un aumento dei prezzi di qualche decina di centesimo di euro al kilogrammo, mentre si annota una situazione di calma piatta per i cavoli broccoletti verdi e per i finocchi.

È fuori controllo la quotazione dei cetrioli: un vuoto produttivo improvviso ha portato quasi al raddoppio dei prezzi rispetto alle rilevazioni dei giorni scorsi. Si registrano aumenti anche per le melanzane, ma in questo caso l’incremento è decisamente più contenuto.

Anche questa settimana è inferiore alla media del periodo il valore di mercato delle singole varietà di pomodori e dei radicchi rossi veneti: per questi ultimi il clima piuttosto mite sembra non favorire affatto la richiesta di mercato.

Per concludere, tra i prodotti locali del territorio bergamasco continua a far bella mostra di sé la scarola dei colli bergamaschi; buona l’offerta sia in termini quantitativi sia qualitativi. La buona disponibilità di prodotto funge da ottimo calmiere dei prezzi e per questo risultano particolarmente bassi, quasi simili a quelli rilevati per il prodotto analogo, ma con altra provenienza e decisamente meno pregiato.

La ricetta della settimana a cura delle nostre Amichesciroppate

Frittatine con cime di rapa

Ingredienti

1 mazzo di cime di rapa
Ricotta salata a piacere
6 uova intere
Parmigiano q.b
1 spicchi d’aglio
Latte intero

Procedimento

Pulire le cime di rape e saltatele in padella con uno spicchio d’aglio e in filo d’olio.

Nel frattempo sbattete le uova con il parmigiano e la ricotta salata, nn aggiungerei sale, ma se vi piacesse un pizzico di pepe.

Un goccio di latte e piccolo trucco mezzo cucchiaino di bicarbonato renderà la frutta bella soffice.

Unite le cime di rapa raffreddate ale uova e poi in forno, io oggi ho scelto così, 180* per 15/20 minuti.

Tiepida è perfetta, ma anche fredda niente male.

Ciao belle buon weekend

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.