BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Dai Atalanta, butta giù il Muro

Cresce l'attesa per una delle notti più importanti della storia dei nerazzurri: il racconto delle ultime ore prima del match dal nostro inviato in Germania

Aspettando il Papu (e si sfoglia la margherita: gioca, non gioca?) o le magie di Ilicic, Gasperini si affida all’usato sicuro e porta in conferenza stampa Freuler, che finora non ha saltato una partita europea e ha segnato contro l’Apollon. Lui, Remo, l’orologio svizzero, non ha bisogno di traduttore perché capisce sia la lingua di casa che l’italiano.

A Crotone Gasp nel secondo tempo l’ha mandato in campo anche per uscire dall’equivoco del doppio centravanti: fuori Petagna, dentro Freuler, occorreva dare più ordine a tutta la squadra, anche se giocare al calcio non era facile su un campo più da pallanuoto.

Giovedì 15 febbraio, compleanno del Papu, l’Atalanta lo festeggia (speriamo) al Westfalen Stadion. A Dortmund è annunciata pioggia, ma forse in serata la pioggia smetterà e farà solo freddo (beh insomma, qui l’aria è davvero gelida…).

Comunque, sarà uno spettacolo anche scambiarsi la palla su questo campo che sembra una moquette, perché ogni particolare a Dortmund viene curato in maniera quasi commovente, a cominciare dalla bellezza di questo stadio: lo guardi vuoto e resti senza fiato, emozioni uniche che solo l’Old Trafford a Manchester o San Siro a Milano riescono a trasmettere. E, perché no?, anche il “nostro” Mapei a Reggio quando è invaso dai quindicimila bergamaschi che saltano e cantano tutti insieme.

Freuler, da buon svizzero, dribbla la domanda sulle emozioni, sembra la Hunziker quando presenta Sanremo: “Il Muro giallo? Sì, fa effetto, ma poi l’emozione passa e non lo senti…”. Interviene Gasp: “Del resto abbiamo giocato anche a Roma, a Napoli dove abbiamo vinto contro squadre di grande livello. Certo che mi piace molto il Borussia, è offensivo e gioca molto per il gol. E’ una squadra forte, vedremo dopo questo confronto di fare una valutazione migliore”.

E’ in forma Champions, il Gasp, sarà per l’atmosfera che si respira in questo stadio, per cui il tecnico nerazzurro prima dice che “Caldara e Gomez stanno bene e perciò sono convocati”, poi fa capire che (salvo ripensamenti dell’ultima ora) né uno né l’altro dovrebbero giocare dal primo minuto. Perché l’occasione è troppo grande e troppo ghiotta per rischiare, servono giocatori prontissimi (come Freuler appunto) a fermare subito il Muro giallo, visto che sarà probabilmente decisivo l’impatto dei nostri eroi contro l’urto giallonero, di Reus e compagni nei primi minuti. Ma speriamo che la lezione della Juve, a Bergamo in Coppa Italia serva a bloccare le furie deutsch sul nascere…

Freuler dovrà dare un calcio alle emozioni, lui che è tifoso del Borussia. Ma non vede l’ora di infilarsi nell’area tedesca e colpire, come fece il Papu a Lione. E Gasp chiude: “Siamo qui, un’opportunità per Bergamo e per la squadra, per noi è un premio ma anche un punto di partenza”. Avanti, allora: dai Atalanta, butta già il Muro.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.