BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Andrea Agazzi è il nuovo segretario della Fiom Cgil di Bergamo

Con 59 voti favorevoli e 32 contrari: succede a Eugenio Borella

Più informazioni su

Con 59 voti favorevoli e 32 contrari Andrea Agazzi, 42 anni, di Stezzano, padre di tre figli, è stato eletto martedì 13 febbraio segretario generale della Fiom Cgil di Bergamo: succede a Eugenio Borella. Prima di occuparsi di sindacato Agazzi ha lavorato come montatore alla Elframo spa di Bergamo. In quell’azienda metalmeccanica è stato eletto delegato della Rsu nel 2006, poi, con distacco sindacale, è passato a tempo pieno in Fiom Cgil dal 2011.

“Dal 2011 sono in Fiom e ho svolto attività sindacale prima come iscritto poi come delegato, come molti di voi – ha detto Agazzi nella sua relazione – Ho sempre considerato che far parte della Fiom sia un privilegio, un’esperienza unica, impareggiabile sotto il profilo professionale e umano. Mi aspetta un incarico non semplice che affronterò con il massimo impegno per mantenere alto il peso qualitativo e quantitativo della Fiom Cgil nella nostra provincia”.

“Veniamo da anni difficili, in un territorio complesso segnato fortemente dalla crisi – ha aggiunto il neo segretario – Nonostante ciò e nonostante molte aziende siano scomparse a seguito dei numerosi fallimenti, la nostra organizzazione continua ad esserci, a ‘tenere’ sul tesseramento, a contrattare condizioni migliori e a ottenere anche risultati positivi nei rinnovi delle Rsu. Se oggi abbiamo una Fiom Cgil solida dal punto di vista economico e dal punto di vista del tesseramento, vanno ringraziati Eugenio (Borella, ndr) in primis e chi lo ha affiancato in segreteria e nell’apparato. Il merito è anche dei delegati, nostra fondamentale risorsa e punto di riferimento”.

E a proposito dei compiti che si troverà ad affrontare, ha concluso dicendo: “Dobbiamo lavorare per rafforzare e ampliare la nostra presenza sul territorio, per estendere la contrattazione, per continuare con l’ottimo lavoro fatto negli ultimi anni nella formazione dei delegati e dei funzionari e per dare sempre maggiore assistenza sul welfare contrattuale. Tutto ciò, senza dimenticare che il nostro lavoro è contrattare condizioni migliori per i lavoratori”.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.