BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Al Lab 80 c’è “Hannah” il film che ha visto trionfare Charlotte Rampling a Venezia

Coppa Volpi come miglior attrice a Charlotte Rampling, Venezia 2017. L’attrice, al solito, si concede anima e corpo in maniera straordinaria. Senza filtri, immensa.

Hannah aveva un marito, un figlio, un nipotino. Aveva un cane, un abbonamento in piscina, un lavoretto da governante. A un certo punto, tuttavia, nella sua vita è accaduto qualcosa. E quella quotidianità rassicurante fatta di piccole azioni – lavare il cane, comprare i fiori, stendere il bucato – ha perso improvvisamente di senso. Suo marito è finito in carcere, lasciandola da sola, e suo figlio non vuole parlarle. L’ombra del sospetto, un sospetto annichilente e impronunciabile, si allunga sulla sua stessa vita: chi è davvero suo marito? Perché lei è l’unica che sembra credere alla sua innocenza?
Coppa Volpi come miglior attrice a Charlotte Rampling, Venezia 2017. L’attrice, al solito, si concede anima e corpo in maniera straordinaria. Senza filtri, immensa.

Charlotte Rampling

Il programma di Lab 80 da mercoledì 14 a mercoledì 21 febbraio (guarda qui)
Un intimo ritratto di una donna alle prese con la perdita della propria identità: in prima visione in Auditorium Hannah, con una immensa Charlotte Rampling, Coppa Volpi a #Venezia74. Martedì anche in versione originale, sottotitolata in italiano.

Continua il successo di C’est la viePrendila come viene e mercoledì sera ritorna La testimonianza, l’avvincente thriller che riflette sul dramma della Shoah.
Un nuovo (doppio) appuntamento con i grandi classici resturati de Il cinema ritrovato. Al cinema: dopo L’Atalante, con l’infanzia sovversiva nel collegio di Zero in condotta e A proposito di Nizza, torna sul grande schermo tutto il cinema poetico del grande Jean Vigo.

Venerdì terzo appuntamento con Multivisioni, il ciclo di incontri per esplorare narrazioni differenti e possibili. Allo Spazio Terzo Mondo di Seriate si parla del genere di Dio: la Chiesa e la teologia alla prova del gender.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.