BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ventiquattro i fallimenti bergamaschi di gennaio: tanti nell’edilizia

È lungo l’elenco delle attività che, a Bergamo, nel mese di gennaio si sono viste costrette ad alzare bandiera bianca. Ancora l'edilizia il comparto maggiormente interessato

Più informazioni su

Dalle imprese di costruzioni al ristorante. Dalla società di costruzione di strade e autostrade al panificio. Ed un numero: il 24. È lungo l’elenco delle attività che, a Bergamo, nel mese di gennaio si sono viste costrette ad alzare bandiera bianca. Ancora l’edilizia il comparto maggiormente interessato dai fallimenti. Rispetto alla tipologia delle aziende: quasi tutte srl, si riscontra che le società coinvolte nel crac sono piccole-medie imprese.

A finire a gambe all’aria, nel primo mese dell’anno, come anticipato, molte realtà legate all’edilizia che hanno pagato il prezzo più alto di una crisi lunghissima e senza precedenti. Dichiarata fallita la società di costruzione di edifici residenziali e non residenziali “Immobiliare La Foppa” srl di Gandino, a chiederne il fallimento l’amministratore unico. Lo stesso dicasi per la società di costruzione, ristrutturazione, manutenzione, compravendita e gestione di immobili “Immobiliare V.B.B” srl con sede a Treviglio. Anche in questo caso il fallimento è stato chiesto dall’amministratore unico della stessa società. Si sono arresi anche la “Brunetti Costruzioni” srl, con sede ad Albino, in via Partigiani 21; la “Brignano” srl di Brignano Gera d’Adda e la “Vigani Costruzioni” srl di Sarnico.

A chiedere il fallimento della “CO.IM.” srl di Bergamo, società di consulenza nel settore immobiliare, nella compravendita di aziende commerciali, artigianali, industriali e nell’affitto di immobili ed aziende, è stata l’Agenzia delle Entrate. Le altre realtà, sempre legate all’edilizia, costrette a chiudere sono state la “Zamboni Costruzioni” srl di Rovetta, la “Profilo immobiliare” srl in liquidazione, che divide la sorte e la sede di via Angelo Maj 14/D, a Bergamo, con la “I.R.T.” srl, anche questa in liquidazione.

Dichiarata fallita la società di costruzione di strade, autostrade e piste aeroportuali “T.F.P. STRADE” srl, a chiederne il fallimento l’amministratore unico e legale rappresentante. Fallita anche la “D.C.C.” srl di Costa Volpino con attività di demolizione speciali, lavori di sterro e scavi in roccia e bonifiche ambientali come pure la “Paviberg” srl con sede in Bergamo, la “TI&P Tecnology Investment & Property” srl in liquidazione con sede a Bergamo, in via G. Quarenghi 8, sede anche della “GENERAL TRADE HOLDING” srl in liquidazione, e la società di gestione, consulenza ed esecuzione di servizi tecnici amministrativi ed integrati nei settori dell’ambiente, dell’igiene industriale e sanitario della sicurezza del lavoro “C.S.O.” srl con sede a Bergamo, via Campagnola 40.

A consegnare i libri contabili in Tribunale la “TECNOVISION” srl, società di commercio ed installazione di apparecchiature di videosorveglianza, consulenza, formazione e assistenza in materia di sicurezza e valutazione rischi nei luoghi di lavoro, su richiesta di un istituto bancario, la “P.R.OGET ElettroimpiantiElettroimpianti” srl con sede a Colzate, la “Rosso Porfido” srl con sede legale a Roma, ma Bergamasca fino ad un anno fa, come pure la “BCM” srl. A fallire è stata pure la società di commercio all’ingrosso, cernita e lavorazioni di rottami, metalli e non metalli in genere “Geritall due” srl in Pontirolo Nuovo, e la “PI.EFFE” srl.

Tra i fallimenti salta all’occhio anche quello del “CONIMBERG CONSORZIO” scarl, già in liquidazione, con sede a Bergamo, in via Baioni 17, che metteva in campo attività ed iniziative per contribuire alla crescita professionale, materiale e culturale degli imprenditori associati, “I sapori del Pane” sas, a Predore, piazza Vecchia Filanda 11 e, chiude il mese di gennaio, il fallimento di “Bravi Alfio & C” snc, l’albergo con ristorante al piano terra che si trova a Prezzate di Mapello, sulla strada provinciale Briantea, direzione Pontida.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.