BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

A Sereno Variabile le ragazze di Bergamo City Kiwi

"Bergamo City Kiwi" è un sito online che si espande su Facebook e Instagram e che ha il compito di mostrare a cittadini distratti e a turisti intraprendenti le bellezze di una città come quella di Bergamo

Raffaella Algani e Margherita Bonaldi sono due giovani ragazze di Bergamo che tre anni fa hanno deciso, essendo migliori amiche da ormai 20 anni, di creare insieme “Bergamo City Kiwi” un sito online che si espande su Facebook e Instagram e che ha il compito di mostrare a cittadini distratti e a turisti intraprendenti le bellezze di una città come quella di Bergamo.

E’ tramite ristoranti, locali o boutique piccoli e poco conosciute che le due amiche e ormai mamme intendono far conoscere la nostra città. Proprio per la loro passione verso la città dei mille la Rai le ha contattate. Le nostre due concittadine hanno infatti avuto il compito di dirigere Teresa Giarratano, Giovanni Muciaccia e Osvaldo Bevilacqua – i conduttori della famosa trasmissione in onda su Rai 2, Sereno Variabile –  verso i loro più caratteristici KiwiShop così da mostrali nella puntata di sabato 10 alle 17 che avrà come protagonista la nostra città.

Sereno Variabile

Da dove nasce l’idea di Bergamo City Kiwi?

“Bergamo city kiwy è un sito che funge da guida per le piccole attività cittadine. Il progetto è nato 3 anni fa principalmente dal mio bisogno di pubblicizzare il negozio. Cercando metodi innovativi per farlo ho notato l’assenza totale in questo campo di qualcosa di originale: non esistevano guide se non quelle classiche per i punti di interesse di tipo sopratutto culturale. Il fatto che quando viaggiamo siamo sempre alla ricerca di negozietti o ristoranti particolari e tipici ci ha fatto dire: “perché no?” Ora ci stiamo lentamente aprendo, anche se con qualche difficoltà in più, alle zone provinciali dove abbiamo scoperto locali molto interessanti.

bergamo city kiwi
 

Il nome da dove nasce?

“Volevamo trovare qualcosa che attirasse l’attenzione e che non c’entrasse molto con il tema, qualcosa di originale che spingesse le persone a chiedersi: “ma perché lo hanno chiamato così?”
Anche il logo rappresenta i posti che scegliamo: il kiwi (l’animale non il frutto) è piccolo e speciale esattamente come i nostri KiwiShop e va preservato proprio come loro essendo attività commerciali cittadine sempre più singolari.”

In base a cosa scegliete questi negozi?

“Principalmente in base al nostro gusto, molti KiwiShop sono legati all’artigianato e offrono sempre prodotti di grande qualità e molto particolari. Scegliamo posti che valgano la pena di essere visitati quali locali, ristoranti o boutique. le parole chiave sono sempre originalità e qualità. Non devono essere naturalmente catene o franchising, le conduzioni sono spesso famigliari ma altrettante volte capita che i gestori precedentemente facessero altri lavori e che abbiano voluto lasciarli per seguire le loro passioni rappresentate appunto dalle loro attività.”

Sabato sarete presenti alla puntata di Sereno Variabile che mostrerà le bellezze di Bergamo, raccontateci qualcosa

“Sereno variabile è una trasmissione molto popolare in italia che va in onda ogni sabato alle 17. Con Maria Teresa Giarratano, una delle tre conduttrici insieme a Giovanni Muciaccia e Osvaldo Bevilacqua, abbiamo visitato alcune zone della città. Ci ha contattate la Rai, il loro obiettivo è stato quello di dare un taglio diverso alla puntata. Oltre a mostrare le bellezze monumentali della città hanno voluto presentare agli spettatori anche il lato più artigianale di Bergamo. Gli abbiamo raccontato alcune attività molto particolari che noi stesse seguiamo attraverso Bergamo City Kiwi e caratteristiche della città che poi loro hanno scelto di mostrare durante la puntata. Ci è stato inoltre possibile presentare il nostro progetto alle telecamere parlando del nostro primo punto di forza: la mappa che rappresenta i nostri kiwishop. Le riprese hanno coinvolto anche la città di Urgnano, ma noi ci siamo occupate di raccontare solo Bergamo.”

Qual’è l’utilizzo di questa mappa?

“La mappa è un’ aggiunta al nostro lavoro. E’ stata creata un anno fa, la si può trovare sia sul sito che in modalità cartacea ed è una ricostruzione della città di Bergamo con rappresentati i nostri KiwiShop e le curiosità della città come le scale, gli orti, le fontanelle o le street-art. È stata realizzata interamente a mano e concepita in modo tale da non dare l’impressione che i luoghi rappresentati lo siano senza criterio come spesso accade per le cartine tradizionali, al contrario speriamo di trasmettere fiducia a chi la utilizza. Ora abbiamo in progetto di realizzare, in collaborazione con il Bergamo Jazz Festival, una mappa che rappresenta i luoghi dove questo si svolge.”

Come vi dividete i compiti?

“Entrambe facciamo tutto anche se Raffaella si occupa più della parte social mentre io sistemo il sito e sono più specializzata nella sezione burocratica mentre per i kiwishop quelli li selezioniamo entrambe, ci piace fare passeggiate insieme per la città ed è in questo modo che li scopriamo principalmente”.

Qual è il ruolo di Bergamo City Kiwi nella comunità?

“Bergamo City Kiwi è uno strumento per chi vive la città e sopratutto per fretta non ha mai davvero esplorato ciò che bergamo ha da offrire a pieno. È questo il nostro obietivo.
Come abbiamo scritto sul sito, Bergamo City Kiwi non è una guida per turisti standard, come abbiamo già scritto sul sito, bensì per chi questo ruolo lo vive più affondo, scoprendo la città a patire dalle sue più profonde radici. Nel sito, come sui social, evidenziamo sopratutto le particolarità dei borghi della città.”

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.