Quantcast
Accordo storico in Germania: sì alla settimana lavorativa di 28 ore - BergamoNews
Per 24 mesi

Accordo storico in Germania: sì alla settimana lavorativa di 28 ore

Si potrà accorciare la settimana (per un tempo massimo di 24 mesi) per occuparsi dei figli piccoli o di parenti malati o perché si svolge un lavoro usurante, senza subire il taglio dello stipendio.

Intesa innovativa in Germania tra il potente sindacato dei metalmeccanici IG Metall e l’associazione dei datori di lavoro Sudwestmetall nello stato del Baden-Württemberg.

Sotto l’insegna della flessibilità per il lavoratore e per il datore di lavoro. L’accordo più importante riguarda il versante lavoratore: potrà infatti ridurre l’orario settimanale fino a 28 ore per un periodo minimo di sei mesi fino a 24 mesi. Ma anche l’azienda potrà aumentare contestualmente i contratti con 40 ore di lavoro settimanali per chi lo vorrà.

Chi sceglierà di lavorare 28 ore alla settimana per occuparsi dei figli piccoli o di parenti malati o perché svolge un lavoro usurante non subirà il taglio dello stipendio. Gli addetti con contratti a tempo indeterminato potranno ridurre, su base volontaria, la loro settimana lavorativa da 40 a 28 ore per un periodo limitato di 6 a 24 mesi, tornando poi al lavoro alle stesse condizioni che avevano in precedenza.

Le imprese hanno ottenuto la possibilità di estendere la settimana lavorativa a 40 da 35 ore sempre per i dipendenti che vorranno farlo su base volontaria.

Il nuovo contratto collettivo, che durerà fino al 31 marzo 2020, riguarda 900mila metalmeccanici ma è considerato un accordo-pilota per l’intero settore e in prospettiva dovrebbe essere adottato per tutti i 3,9 milioni di lavoratori rappresentati da IG Metall.

E non solo per la Germania perché già se ne parla in tutta Europa, Italia compresa dove c’è chi comincia  discutere della sua applicabilità al comparto metalmeccanico nazionale.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI