Quantcast
"Appassionare i ragazzi alla scienza e alla tecnologia: utile per la scelta della scuola" - BergamoNews
Cristina bombassei

“Appassionare i ragazzi alla scienza e alla tecnologia: utile per la scelta della scuola”

Abbiamo chiesto a Cristina Bombassei, Vicepresidente di Confindustria Bergamo con delega Education, di commentare il messaggio rivolto ai genitori da parte del presidente di Confindustria Cuneo.

Ha fatto molto discutere la lettera di Mauro Gola, presidente di Confindustria Cuneo, rivolta ai genitori: “Per la scuola scegliete con la testa”. La lettera aperta sulla scuola è stata attaccata da molti perché è stata letta come un invito a non fare studiare i ragazzi. Una lettura errata perché in realtà invita semplicemente a capire qual è la strada migliore e più idonea per il futuro dei propri figli.

Abbiamo chiesto a Cristina Bombassei, Vicepresidente di Confindustria Bergamo con delega Education, di commentare quel messaggio rivolto ai genitori.

“Credo che la lettera inviata dal presidente di Confindustria Cuneo sia da interpretare come la volontà di far conoscere alle famiglie la realtà produttiva del territorio e le sue esigenze, in un momento storico in cui la mancanza di profili tecnici qualificati sta mettendo in crisi le imprese. Confindustria Bergamo ha da tempo avviato diverse iniziative di orientamento proprio per far conoscere e appassionare i ragazzi al mondo imprenditoriale. Ogni anno raggiungiamo oltre 6000 ragazzi delle scuole medie, ma non è semplice coinvolgere anche le famiglie.
Quello dell’orientamento è un tema chiave. Il fatto che, come è stato calcolato, in Italia il 40% della disoccupazione giovanile sia da imputare al mancato incontro tra domanda e offerta non può essere ignorato. Come anche il fatto che manca all’appello circa il 30% dei tecnici e che tale carenza si sta ulteriormente aggravando con la forte evoluzione in senso digitale dell’industria. Servono prevalentemente tecnici in campo ingegneristico e tecnici meccatronici in grado di presidiare i processi produttivi e innovarli attraverso le tecnologie 4.0. Proprio l’introduzione delle nuove tecnologie e nuovi macchinari nelle industrie ha reso negli ultimi tempi il mismatch tra domanda e offerta ancora più grave.
E’ quindi chiaro che appassionare i ragazzi alla scienza e alla tecnologia riveste un’importanza cruciale per la competitività del nostro territorio. Non è un caso che Confindustria promuova da tempo l’istruzione tecnica, sia a livello di scuola superiore, sia di ITS, sia di università.
L’individuazione e la valorizzazione delle attitudini dei ragazzi, che è uno dei principi dell’orientamento, vede impegnate prevalentemente le scuole. Il ruolo del mondo del lavoro è quello di far comprendere ai ragazzi come sono cambiate le professioni e quali competenze sono necessarie. Deve essere un processo coordinato: nel nostro territorio infatti Confindustria Bergamo è attiva al Tavolo per l’orientamento, a fianco dell’Ufficio Scolastico, delle scuole e delle altre istituzioni”.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI