BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Dai social alle droghe, dallo sport al sesso: gli stili di vita degli adolescenti in un sondaggio foto

I ragazzi del Leonardo Da Vinci hanno condotto un'indagine sugli stili di vita degli adolescenti sottoponendo un questionario ad un campione indicativo di 300 adolescenti compresi tra i 14 e i 19 anni. Ecco quello che hanno scoperto...

Il Centro Studi Leonardo Da Vinci è una delle sei scuole con cui Bergamonews ha concordato un progetto di alternanza scuola lavoro. Per prendere parte al “project work”, legato al progetto di Bgy (il giornale dei giovani), il compito della classe coinvolta è quello di  scegliere un argomento da sviluppare nelle modalità più inclini alla loro fantasia: articolo, video, canzone, disegni e molto altro!

I ragazzi del Leonardo Da Vinci hanno condotto un’indagine sugli stili di vita degli adolescenti sottoponendo un questionario ad un campione indicativo di 300 adolescenti di cui il 57% maschi e il 43% femmine, compresi tra i 14 e i 19 anni. Ecco quello che hanno scoperto…

In tempi moderni il mondo giovanile ha subito diversi cambiamenti e in molteplici ambiti.

Questi cambiamenti spesso scaturiscono dalla voglia di cambiare il mondo, anche solo il proprio microcosmo, dopo un’infanzia e una prima gioventù tenute a bada.
Non serve specificare che il nostro universo giovanile è differente da quello dove sono cresciuti i nostri genitori, i quali faticano a comprendere appieno i cambiamenti tangibili che inevitabilmente la società globalizzata in cui siamo nati e cresciuti porta con sé.

Senza ombra di dubbio la grande rivoluzione è stata fatta dalla tecnologia, ma soprattutto dalla ricerca tecnologica: con l’avvento di Internet e dei personal computer, a cui negli ultimi anni si sono aggiunti i telefoni cellulari sostituiti in breve tempo dagli smartphone, si è segnato un grande salto in avanti per il progresso.
Lo sviluppo vero e proprio di essi è avvenuto nel Ventunesimo secolo, condizionando di fatto la vita di tutti gli adolescenti o ragazzi in generale, i quali possiedono un telefonino (presumibilmente uno smartphone) con il quale passano la maggior parte di tempo, non riuscendo a separarsene nemmeno per qualche ora. E’ la generazione dei “sempre connessi” ma che bada poco alle relazioni umane, concrete, quelle situazioni che la vita ogni giorno ci offre e che non torneranno più.

Con gli smartphone si è sempre collegati ai Social Network, ai siti di messaggistica istantanea, al web. Attraverso questi strumenti è possibile conoscere nuova gente, persone che abitano vicino a noi oppure chi abita dall’altra parte del mondo. Se usati in modo intelligente possono essere un’enorme risorsa per chi li adopera, mentre se usati in maniera spropositata possono creare danni anche gravi. Recente è la notizia di chat “segrete” di WhatsApp dove ragazze si scambiavano consigli su come diventare anoressiche e reprimere il senso della fame. Altro punto cruciale in un’età così delicata è l’aspetto fisico, il modo in cui apparire agli altri.

Dilaganti oggi giorno sono i fenomeni di anoressia e di bulimia correlati all’autolesionismo. Quando si sente parlare di questi fenomeni la domanda sorge spontanea: perché un ragazzo dovrebbe mettere a repentaglio la sua vita per il giudizio altrui? Si suppone che la risposta più ovvia sia quella che tutti vogliamo essere accettati, essere visti belli. Insomma, nella miglior versione di noi stessi ma senza sapere che la nostra miglior versione è quella originale, senza modificazioni, senza stravolgimenti.
Spesso, per essere accettati dal gruppo, si ricorre anche all’uso di droghe leggere (come la cannabis) o di droghe più pesanti (eroina, cocaina, droghe sintetiche). Si prova per gioco, per moda, a volte per curiosità, ma in qualche caso il “gioco” diventa poi uso, abuso e poi sfocia in una dipendenza vera e propria che porta i ragazzi a rovinarsi. Fondamentalmente anche questo è autolesionismo. C’è chi vorrebbe smettere ma non sa come fare, ha paura di chiedere aiuto agli adulti per paura di essere condannato e giudicato anche da loro.

Infatti nell’età adolescenziale si assiste a uno stacco tra genitori e figli, non si condividono più tante cose, i rapporti diventano duri e quasi circostanziali. Non è la consuetudine, ovviamente, si parla di casi estremi ma pur sempre rilevanti. Avendo un rapporto quasi staccato con essi è come se non ci fosse più l’abitudine a chiedere aiuto, a “farsi piccoli” accanto a qualcuno che può aiutarci e allora qualcuno preferisce andare avanti per la sua strada, soffrendo, forse, un po’ di meno. Importantissimi per gli adolescenti sono gli amici che si sostituiscono quasi alla famiglia, il rapporto è molto più libero perché ci sono meno inibizioni a parlare con chi condivide le tue stesse idee, i tuoi stessi problemi e le tue stesse preoccupazioni. Magari chi vive la scuola con te e con cui condividi quasi 6 ore al giorno.
I punti di ritrovo possono essere il bar, il pub, le discoteche e i locali vari, oppure una classicissima piazzetta il pomeriggio/tarda sera. Si esce spesso non solo nel weekend, capita di incontrare gli amici anche in settimana e trascorrere più ore fuori che dentro casa.

Anche la televisione o i siti per film in streaming hanno un ruolo non secondario nell’adolescente moderno. Gli stessi ideali di bellezza ci vengono inculcati attraverso questi mezzi di comunicazione. Negli anni Cinquanta del Novecento le donne mediterranee rappresentavano l’ideale femminile per eccellenza, mentre oggi le modelle tendono verso una magrezza spaventosa e assurda. Davanti alle telecamere finiscono anche delle nuove figure quali i fashion blogger/influencer e i cosiddetti Youtuber. Queste figure, definite professionali, sono capaci di influenzare un’ingente quantità di popolazione giovanile che tende così all’emulazione di questi personaggi. Alcuni di questi “imprenditori del Web” hanno aperto anche dei loro store online lanciandosi nell’e-commerce.

Le relazioni sentimentali sono vissute a seconda dei soggetti che le vivono. Ci sono persone, sia uomini sia donne, che non vogliono e non sono interessati ad impegnarsi in modo serio o quantomeno duraturo con una persona, interessati solo ad appagare i loro desideri carnali; al contrario ci sono persone che desiderano mettere “il cuore al sicuro” per un po’ e decidono di iniziare una relazione seria, importante. Non a tutti i ragazzi e ragazze interessa un giorno crearsi una famiglia e diventare genitori. Molto frequentemente non sanno nemmeno quale carriera intraprendere dopo la scuola, forse non avendo mai auto un appoggio che li indirizzasse verso ciò che è meglio per loro. La sessualità è vista sempre a seconda del soggetto, infatti ci sono persone coscienziose che vivono il rapporto sessuale come una cosa importante da non gettare con i primi che capitano, e persone meno coscienziose che la vivono in modo leggero e superficiale.

Recenti studi hanno riportato che negli ultimi due anni il trend percentuale di nuove persone infettate dal virus dell’Hiv è tornato a salire, rispetto a una curva discendente che aveva caratterizzato gli ultimi 25 anni. Questo implica una duplice considerazione: non si usano le dovute precauzioni durante i rapporti sessuali, spesso occasionali con persone che si conoscono poco e l’educazione sessuale, da molti ritenuta inspiegabilmente ancora un tabù, è poco conosciuta dagli adolescenti. Questa disinformazione è dovuta al fatto che ancora oggi per la nostra società il sesso rimane un argomento in parte scomodo quindi anche gli adulti, come i genitori, si vergognano a parlare di questa cosa con i loro figli. Anche avendo il supporto informatico il problema si ripresenta perché la società lo addita ancora come un tabù; così i rapporti sessuali sono vissuti spesso senza la necessaria conoscenza, esponendosi così al rischio di malattie veneree anche serie e difficilmente risolvibili.
D’altro canto noi siamo gli uomini e le donne del domani, rappresentiamo il futuro e sta a noi coglierlo, farlo fruttare, concedergli di cambiarci in meglio e di spiccare il volo oppure calpestarlo, sorvolarlo, ignorarlo e tarpagli le ali prima che esso possa spiccare il volo.

Grazie all’opportunità dataci da BGY – Be Young anche noi studenti della 4ALSU del Centro Studi Leonardo Da Vinci abbiamo potuto addentrarci e toccare con mano questi problemi, che ci riguardano in prima persona ma che spesso consideriamo con una certa superficialità.

Dopo un breve dibattito in classe abbiamo deciso di stilare un questionario da sottoporre a un campione indicativo di 300 adolescenti di cui il 57% maschi e il 43% femmine, compresi tra i 14 e i 19 anni. Il questionario è stato strutturato con domande a scelta multipla e abbiamo indagato riguardo alle problematiche esposte qui sopra.

alternanza leonardo da vinci

Parlando di influenza della tecnologia sull’apprendimento scolastico, ovvero l’uso di IPad, Internet e smartphone per le ricerche, il 56% ha dichiarato che influisce tanto, il 39% poco e il 5% per niente.

alternanza leonardo da vinci
 

Risposta interessante è quella inerente al proprio futuro, dove il 48% ha dichiarato di pensarci già, seguito da un 45% che riflette su ciò saltuariamente, mentre solo il 7% ha risposto di non pensarci in nessun modo.

alternanza leonardo da vinci
 

alternanza leonardo da vinci
 

Parlando di sostanze stupefacenti il 40%, contro il 59%, ha dichiarato si averne fatto uso; il 43% di coloro che hanno dichiarato di averne fatto uso, afferma di aver smesso. Mentre il 35% ne fa uso saltuario, il 12% settimanale e il 9% giornaliero.

alternanza leonardo da vinci
 

alternanza leonardo da vinci
 

Solo il 6% ha dichiarato di aver fatto uso di droghe pesanti. Di questi, il 43% ha dichiarato di non farne più uso, il 37% di assumerle saltuariamente, il 12% settimanalmente, mentre una piccola parte, l’8%, ne fa uso giornaliero. Solo un 2% circa dichiara che accetterebbe della droga da sconosciuti, schiacciato da un 87% che assolutamente non l’accetterebbe.

alternanza leonardo da vinci
 

Abbiamo allargato l’indagine anche alle abitudini legate al divertimento: il 57%, contro il 43%, esce spesso la sera; di questi il 56% più di tre volte a settimana, seguito da un 39% che dichiara di uscire due volte a settimana. Piccolissima percentuale è quella di chi esce solo una volta.

alternanza leonardo da vinci
 

L’uso frequente di alcolici è di circa un terzo, mentre il 66% dichiara di farne un uso occasionale. Tra chi assume frequentemente gli alcolici, il 59% dichiara di assumerli circa due volte a settimana, solo un 15% più di tre volte.

alternanza leonardo da vinci
 

Per quanto riguarda le relazioni personali, il 59% frequenta ragazzi sia più grandi sia più piccoli, il 21% frequenta solo coetanei.

alternanza leonardo da vinci
 

La scelta della scuola per un 59% è stata orientata in base al proprio futuro, mentre il 30% ha risposto il contrario. In una scala di valutazione da 1 a 10 abbiamo ottenuto un 2,6% per l’1, per il 2 un 1,1%, per il 3 l’1,5%, per il 4 l’1,5%, per il 5 8%, per il 6 7,7%, per il 7 il 17,9%, per l’8 il 34,7%, per il 9 14,2%, per il 10 un 10,9%. Il 46 % dichiara che la propria scelta della scuola sia stata abbastanza giusta, seguita da un 35% che dichiara sia stata molto giusta.

alternanza leonardo da vinci
  

Uno degli argomenti spesso dibattuti tra i giovani è quello relativo al fumo: per il 64% è un fenomeno di moda, per il 31% invece rappresenta un bisogno.

alternanza leonardo da vinci
 

Il 59% degli intervistati dichiara di occupare il proprio tempo facendo ad esempio uno sport, il 49% dichiara di non fare attività fisica o ludica.

Abbiamo voluto dare uno sguardo anche al rapporto tra individuo e società. Il mondo odierno è in continuo cambiamento e il 76% si ritrova in questo modo di vivere. La nostra società giovanile è molto più abituata al cambiamento, forse anche grazie al continuo sviluppo della tecnologia. Il 55% segue le mode e ne sente l’influenza, pochi di meno (44%) sono coloro che non la seguono affatto ma uno schiacciante 87% non prende a modello nessun fashion blogger. La nostra idea di divertimento è sicuramente diversa da quella dei nostri genitori e il 78% avuto nella risposta lo conferma. Alla domanda se si preferisce trascorrere un sabato sera movimento o in tranquillità, il 55% dichiara che dipende dalle serate ma comunque tra amici (21%).

C’è molta incertezza invece per quanto riguarda il giudizio sul mondo di oggi: al 50% piace, al restante 50% no.

alternanza leonardo da vinci
 

Per quanto riguarda la sfera sessuale, il 55% ha avuto rapporti sessuali confrontato con un 38% che non ne ha ancora avuti, solo una minuscola percentuale ha preferito non rispondere. La maggior parte (60%) nella fascia compresa tra i 16 e i 19 anni, il 39% tra 12 e 15 anni. Il 37% ha rapporti più volte alla settimana, un 33% più volte al mese, il 28% raramente. Il 53% li ha solo con chi ama davvero, il 29 % ritiene che è importante farlo con chi si ama ma che non rifiuta l’occasione quando capita, mentre il 16% non si pone problemi.

Il 73% usa metodi contraccettivi per evitare malattie e gravidanze, il 12% a volte e il 15% non ne fa uso. Di questi un 74% utilizza i profilattici, il 22% la pillola anticoncezionale, mentre pochissime optano per l’anello e il cerotto.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.