È morto Silvio Albini, il Cavaliere del tessile - BergamoNews
Il lutto

È morto Silvio Albini, il Cavaliere del tessile

Presidente e amministratore delegato del Gruppo Albini e presidente di Milano Unica, aveva 61 anni. I funerali si terranno giovedì alle 10 in Duomo

È morto il Cavaliere del Lavoro Silvio Albini. Aveva 61 anni. È stato trovato privo di vita lunedì mattina nella sua abitazione a Bergamo, ma sembra che il decesso risalga a sabato sera. Presidente e amministratore delegato del Gruppo Albini e presidente di Milano Unica.

A capo del Cotonificio Albini, cuore del Gruppo Albini, fondato nel 1876 e oggi guidato dalla quinta generazione della famiglia.

casa silvio albini

Il Gruppo Albini produce tessuti per camiceria con quattro brand, in grado di soddisfare tutti gli stili, dallo sportivo a quello più classico.

Nel 1992 Albini acquisisce due storici marchi inglesi, Thomas Mason e David & John Anderson, che ne rafforzano il profilo internazionale. Oggi gli otto stabilimenti tecnologicamente all’avanguardia, di cui tre all’estero, garantiscono una produzione di alta qualità con oltre 20 mila varianti di tessuto. Fattura 130 milioni di euro, con una quota di export del 70% in 80 Paesi e oltre 1.300 dipendenti.

silvio albini

Silvio Albini è stato anche presidente di Milano Unica e vicepresidente di Confindustria Bergamo. Nel 2015 il presidente della Repubblica Sergio Mattarella l’ha nominato cavaliere del lavoro.

L’ultima sua uscita pubblica a Pitti Uomo a Firenze a un convegno sulla camicia e sui tessuti.

I funerali si terranno giovedì alle 10 in Duomo.

leggi anche
  • Il commento
    Tutela del Made in Italy, Albini: “Così si difendono la nostra creatività e innovazione”
    Silvio Albini, presidente del Gruppo Albini
  • Tessile
    Fatturato in crescita per i Cotoni di Albini: +14,3%, a quota 20 milioni
    Cotonificio Albini
  • Il ricordo
    Morte di Albini, Moltrasio: “Amico carissimo, con chi parlerò la domenica mattina?”
    moltrasio straordianaria
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it