Quantcast
Voli notturni e inquinamento acustico, Bergamo impari da Zurigo - BergamoNews
La proposta

Voli notturni e inquinamento acustico, Bergamo impari da Zurigo

Il dibattito sempre vivo sull'Aeroporto di Bergamo, mi porta a pubblicare alcune analisi e riflessioni che feci qualche mese addietro, in occasione della mia proposta per unire l'aerostazione con l'Orio center.

Il dibattito sempre vivo sull’Aeroporto di Bergamo, mi porta a pubblicare alcune analisi e riflessioni che feci qualche mese addietro, in occasione della mia proposta per unire l’aerostazione con l’Orio center.

Sono tre argomenti distinti: la sostenibilità ambientale della infrastruttura aeroportuale, l‘inquinamento atmosferico e quello acustico dovuto ai voli. Poiché sono argomenti complessi che meritano attenzione, farò tre interventi distinti, iniziando dall‘inquinamento acustico e la susseguente necessità di eliminare i voli notturni.

Un atto amministrativo che chiuda un aeroporto e ne vieti i voli notturni è un’azione molto forte in campo aeronautico – sono stato anche pilota di elicotteri – e capisco la difficoltà di Sacbo ad agire immediatamente. In attesa che venga quindi presa questa necessaria decisione, vediamo cosa succede nel resto d’Europa. Molti aeroporti hanno attuato politiche molto efficaci per dissuadere in maniera praticamente totale i voli notturni, semplicemente introducendo degli incrementi delle tariffe aeroportuali molto elevate per questi orari di atterraggio e di decollo.

Zurigo, che ritengo all’avanguardia nel campo della sostenibilità (vi invito a visitare il loro sito dove c’è una dovizia di informazioni al riguardo https://www.zurich-airport.com/the-company/noise-policy-and-the-environment) ha diviso sin dal 1997 gli aeromobili in alcune categorie (sono 5 di derivazione ICAO), dagli aerei più silenziosi a quelli più rumorosi e applicato tariffe molto peggiorative a partire addirittura dalle 21 della sera per arrivare a scaglioni fino alle 7 del mattino in funzione della categoria. (1)

Schermata 2018-01-05 alle 02.57.34

Riguardo invece l’inquinamento acustico generale di tutti i voli, diurni e notturni, Zurigo è sempre molto precisa.
Mentre la tabella delle 5 categorie è fondamentalmente tecnica, la sua applicazione e la scelta di dove partire a considerare i “buoni” è sostanzialmente politica: a Orio per esempio atterrano prevalentemente (Ryanair) dei Boeing 737-800/900, che sono in categoria 4.

Schermata 2018-01-05 alle 02.56.17

Zurigo decise a suo tempo di considerare infatti la categoria 4 come neutra, dando dei bonus alla categoria 5 e penalizzazioni sempre più forti dalla 3 in giù.

Per evitare di penalizzare le compagnie aeree più presenti in aeroporto (ecco l’altra decisione politica) le tasse per l’inquinamento acustico e atmosferico introdotte (diciamo per fare un esempio del 5% per la categoria 4), andarono a diminuire le tasse aeroportuali totali. Significa cioè che gli aerei della categoria 4 pagano ancora le stesse tasse aeroportuali, ma quel 5% va ad un fondo ambientale. Gli aerei della categoria 5 avranno invece uno sconto sulle tariffe esistenti, mentre dalla 3 in giù pagheranno un aumento della tariffa aeroportuale notevole, dovuta ad una percentuale di tassa ambientale sempre più alta.

Questa politica serve anche ad incentivare le compagnie aeree ad aggiornare la flotta per essere sempre nelle categorie più alte; la tabella (delle 5 categorie) si aggiorna anche in funzione della messa sul mercato di aerei (e motori) più ecologici.

A Bergamo i voli più rumorosi sono quelli notturni dei cargo, che tradizionalmente utilizzano aerei più vecchi e quindi più inquinanti e con questo sistema di tassazione sarebbero fortemente disincentivati.

Ma qual è il vantaggio di questo sistema per cittadini interessati (anzi danneggiati) dall’inquinamento acustico? Il fondo ambientale è destinato (a Zurigo) a tutte le opere di risanamento e di adeguamento per già abitanti e i comuni delle zone limitrofe. Non è quindi un importo devoluto in maniera estemporanea su volontà del gestore aeroportuale ma un fondo che cresce stabilmente nel tempo a disposizione dei cittadini. Gli importi sarebbero notevoli anche per Bergamo e la gestione di questo fondo potrebbe essere co-gestito da un consorzio di tutti gli attori interessati (sperando senza litigi) affinché si arrivi ad un miglioramento netto delle condizioni di vita attorno all’aeroporto.

La buona notizia infine è che Airbus, Siemens e Rolls-Royce stanno sviluppando un motore ibrido-elettrico chiamato E-fan X e lo stanno iniziando a testare su un BAe146 modificato.

Easy jet ha annunciato d’aver iniziato un progetto con Wright Electric negli USA per un aereo completamente elettrico e Boeing si è alleata con BlueJet per la stessa cosa.

È un piccolo inizio, con tantissime problematiche da risolvere, ma probabilmente tra vent’anni non dovremo esser qui a parlare ancora di inquinamento acustico ed atmosferico degli aerei che atterrano a Orio.

171128150701-siemens-airbus-electric-plane-2-780x439

In allegato le tariffe e tabelle valide dal 2016 a Zurigo –in Inglese, sorry – a dettaglio di quanto ho spiegato e lo schema di funzionamento del prototipo di E-Fan X.

(1) Tutti gli aeroporti svizzeri, la maggior parte di quelli tedeschi ed inglesi, alcuni francesi e tutti gli svedesi applicano delle tasse ambientali per il rumore e l’inquinamento atmosferico. (vedi mappa)

Schermata 2017-10-08 alle 14.49.54

Bibliografia:
European Aviation Environmental Report 2016
Airport Charges Catalogue for Zurich Airport September.2016
Frankfurt List of Service Charge 2017
Frankfurt Incentive for Airlines 2017
SACBO Elenco dei corrispettivi e delle tariffe aeroportuali 2017
ICAO Aircraft Noise Technology and International Noise Standard
OKo-Institut e.V. Economic Measures for the reduction of envirnmental impact or air transport: Noise related landing charges

* Oliviero G. Godi è laureato alla Columbia University di New York, insegna al Politecnico di Milano e ha tenuto corsi alla Naba di Milano, alla Bezalel Academy of Art ad Architecture di Gerusalemme e all’Istituto Internazione di architettura di Lugano. Ha ricevuto due medaglie dei Presidenti della Repubblica Italiana per meriti accademici e didattici.
È collaboratore di BergamoNews su problematiche architettoniche/urbanistiche.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI