Quantcast
Investito da un'auto, Mattia muore a 9 anni: il suo cuore salva un bimbo di Bergamo - BergamoNews
Al papa giovanni

Investito da un’auto, Mattia muore a 9 anni: il suo cuore salva un bimbo di Bergamo

Mattia Convertini, 9 anni, era stato investito da un’auto appena sceso dallo scuolabus che lo portava a casa. È morto in ospedale a seguito delle gravissime ferite, la famiglia ha deciso per l'espianto degli organi: reni, cuore e fegato.

I medici del reparto di Rianimazione del San Matteo hanno tentato l’impossibile per tutta la notte tra giovedì 11 e venerdì 12 gennaio.

Una corsa contro il tempo, una lotta tra la vita e la morte. Ma è stato inutile. Poi sabato 13 gennaio, alle 16.30, dopo le canoniche sei ore di osservazione in caso di morte cerebrale, i sanitari hanno dovuto arrendersi e constatare la morte del piccolo Mattia Convertini, 9 anni.

Il suo cuore, però, continuerà a battere nel petto di un bimbo di Bergamo a cui, con la sua morte e la generosità della sua famiglia, ha dato la possibilità di continuare a vivere. I genitori di Mattia, infatti, non hanno esitato, e nella tragedia più grande hanno dato l’assenso all’espianto degli organi del piccolo. Reni, cuore, fegato.

Mattia abitava con la famiglia a Ponte Carate, frazione di San Genesio e Uniti; nel pomeriggio di giovedì 11 gennaio è stato investito da un’auto subito dopo essere sceso dallo scuolabus che lo riportava a casa. La situazione era purtroppo già chiara nella mattinata di venerdì 12. Dopo avere aspettato le sei ore di osservazione previste dalla legge in queste circostanze per cogliere ogni minimo accenno di vita, i medici hanno dichiarato la morte. Subito sono iniziate le operazioni per il prelievo degli organi vitali.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI