BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Al Natta presentato il liceo quadriennale: “La preparazione degli studenti non verrà danneggiata”

L'ISIS Natta si prepara in via del tutto eccezionale ad accogliere la prima novità del 2018 presentata dal miur: il liceo quadriennale

Più informazioni su

Staccatosi dal Paleocapa nel 1973, l’isitituto superiore ISIS Natta che ad oggi conta due licei ( liceo tecnico scientifico e liceo scientifico scienze applicate) un istituto tecnico e un ITS, si prepara in via del tutto eccezionale ad accogliere la prima novità del 2018 presentata dal miur: il liceo quadriennale.

Maria Amodeo, dirigente Natta

LEGGI QUI: Scuole bergamasche, per due arriva il liceo quadriennale: le novità del 2018

Si tratta di un liceo scientifico scienze applicate che invece di svilupparsi attraverso un percorso formativo fatto di 5 anni lo farà in 4.

La dirigente Maria Amodeo, durante l’open day svoltosi sabato 13 gennaio nell’auditorium della scuuola rassicura tutti i ragazzi presenti ed i loro genitori dicendo che l’offerta formativa non vedrà in alcun modo la diminuzione del monte ore necessario allo svolgimento di tutti gli argomenti e che questi non verranno in alcun modo sacrificati. Verrà attuata, infatti, una rimodulazione del calendario e degli orari per permettere il regolare approccio alle materie. Come dice la professoressa di matematica Elena Iaquinta, “ci saranno 5070 ore in 4 anni invece che 4752 in 5.”

Ciò che la dirigente sostiene essere una delle carte vincenti di questa novità, presente solo in 100 classi in tutta Italia, è la possibilità di effettuare un potenziamento curricolare dato dall’aggiunta delle materie di diritto ed economia. In questo modo il profilo in uscita di un ragazzo che ha partecipato alla sperimentazione quadriennale non solo sarà sicuramente alla pari rispetto a quello degli altri suoi compagni, ma sarà, anzi, superiore.

E per quanto riguarda la maturità e l’accesso alla università? La professoressa di scienze naturali, Monica Fanizzi, spiega che “prima di tutto l’esame di maturità si svolgerà nello stesso modo per tutti quanti e che l’accesso all’Università non è in alcun modo ostacolato.”

Ma perché proprio il liceo quadriennale? Il professor Freguglia, docente di lettere al liceo, spiega a tutti i presenti in sala che questa non è solo una classica sperimentazione, ma è per tutti un nuovo modo di concepire la scuola e lo studio, mettendo in discussione l’avanguardia stessa. “I ragazzi – rassicura- non verranno mai abbandonati a loro stessi ma seguiti da un team di docenti volenterosi e da una costante monitoraggio da parte del Miur.”

La professoressa Guanella, insegnante di inglese, espone invece la possibilità presente all’interno dell’istituto, di stage linguistici di 8 giorni in Inghilterra, la possibilità di certificazione del livello d’inglese B1 e B2, e l’esistenza già da 4 anni, del progetto CLIL (laboratorio di approfondimento linguistico di una metrica d’indirizzo).

La scuola che non è la prima volta che viene scelta per una sperimentazione (nel 2010 ha accolto il liceo scientifico delle scienze applicate per la prima volta a Bergamo) si dice pronta.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.