Quantcast
Scoppia torta di petardi: tre feriti, grave 24enne di Misano: rischia di perdere un occhio - BergamoNews
Capodanno

Scoppia torta di petardi: tre feriti, grave 24enne di Misano: rischia di perdere un occhio

Ha riportato gravi ustioni al viso, alle braccia e ad una mano il 24enne di Misano che poco dopo le 4.30 è rimasto ustionato in via Maestri Giacinto.

Ha riportato gravi ustioni al viso, alle braccia e ad una mano il 24enne di Misano Gera d’Adda che poco dopo le 4.30 è rimasto ustionato in via Maestri Giacinto.

Secondo una prima ricostruzione dei fatti il giovane 24enne era in compagnia con il fratello e alcuni amici, quando hanno deciso di accendere una “torta” di fuochi artificiali. Ma qualcosa non è andato per il verso giusto e il 24enne e un altro amico sono rimasti ustionati. Il 24enne è stato portato all’ospedale Papa Giovanni di Bergamo dove è stato subito medicato, ma per le gravi ustioni riportate sul viso, ad un occhio, alla parte alta delle braccia e ad una mano è stato immediatamente trasferito al reparto Grandi ustioni dell’ospedale di Verona.

Altri due amici, di 27 e 25 anni sono stati ricoverato all’ospedale di Romano di Lombardia, hanno riportato lesioni di 1° e 2° grado, risultate guaribili in 15 e 20 giorni di prognosi.

Il 24enne, ha invece subito un’importante trauma all’occhio sinistro, e ora rischia di perderlo. Dopo essere stato medicato al Papa Giovanni di Bergamo il giovane, in prognosi riservata, è stato ricoverato al Centro Grandi Ustionati dell’Ospedale di Verona. Le sue condizioni sono gravi e verrà sottoposto a delicati interventi chirurgici. I tre risiedono nei Comuni di Calvenzano e Misano Gera d’Adda.

I militari dell’Arma hanno recuperato sul luogo dell’evento diversi residui di materiale pirotecnico e, nello specifico, una “batteria” (fuoco d’artificio multiplo composto da una cinquantina di petardi), appartenente ad una categoria di vendita prevista solo per chi è in possesso di determinati titoli amministrativi autorizzativi. Tale materiale rinvenuto dai Carabinieri è stato quindi sequestrato penalmente per essere messo a disposizione della Magistratura Bergamasca. Non si esclude che tale prodotto sia stato acquistato sul “mercato nero dei fuochi d’artificio”, molto prolifero in questo periodo dell’anno. Si procede quindi con l’ipotesi di reato di lesioni personali colpose aggravate. Le indagini sono tuttora in corso.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI