Variante di Zogno ancora ferma, il sindaco: "Basta scuse, il 3 febbraio protestiamo" - BergamoNews
La protesta

Variante di Zogno ancora ferma, il sindaco: “Basta scuse, il 3 febbraio protestiamo”

Il primo cittadino di San Pellegrino Terme, Vittorio Milesi, scrive a Bergamonews: "Sono stanco di sentire scuse e spiegazioni"

La variante di Zogno, snodo fondamentale per la viabilità che collega la città di Bergamo alla Val Brembana, è ancora ferma. E il sindaco di San Pellegrino, Vittorio Milesi, si dice pronto ad alzare la voce insieme ai suoi cittadini.

È questo il succo della proposta lanciata dal primo cittadino, che si è detto stanco di sentire scuse e spiegazioni per i continui rinvii dei lavori alla variante di Zogno e alla tangenziale sud di Bergamo.

Qui sotto la lettera inviata a Bergamonews dal sindaco Milesi, con la quale invita i cittadini a protestare insieme a lui sabato 3 febbraio, alle 14.30, a San Pellegrino Terme.

“Basta balle, ritardi e rinvii nel completamento della variante di Zogno e della tangenziale sud di Bergamo (tratti Treviolo-Paladina e Paladina Villa d’Almè)!
La mancata realizzazione di queste opere compromette lo sviluppo e l’occupazione delle Valli Brembana e Imagna e condiziona in termini pesanti la vita delle persone che per studio e lavoro sono costrette a muoversi quotidianamente su Bergamo e Milano, determinando lo spopolamento delle stesse Valli.
È questa la tanto sbandierata capacità amministrativa e efficienza bergamasca!
Le opere finanziate da oltre dieci anni devono essere realizzate senza ulteriori ritardi e indugi!
Chiediamo a tutti i cittadini delle Valli Brembana e Imagna di far sentire la loro voce partecipando all’iniziativa del 3 febbraio p.v. per dire forte e chiaro ai responsabili di questi disastri che la pazienza è finita”.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it