Tariffe

Stangata di fine anno: rincari per gas, luce, A4 e Brebemi

Per la A 4 tra Bergamo e Milano la crescita sarà del 2,9% e il ticket passerà da 3.40 euro a 3.50.

Si può parlare di stangata di fine anno senza essere esagerati. Cresceranno infatti nel 2018 le tariffe di luce, gas e i pedaggi autostradali. Nessun rincaro, almeno in Bergamasca, per l’acqua.

Dal prossimo primo gennaio la famiglia tipo registrerà un incremento del +5,3% per le forniture elettriche mentre per quelle gas del +5%. L’autorità per l’energia sottolinea che per l”elettricità è stato decisivo l’incremento dei prezzi all’ingrosso e dei costi per adeguatezza e sicurezza mentre per il gas arriva il previsto effetto invernale.

Per l’elettricità la spesa (al lordo tasse) per la famiglia-tipo nel periodo compreso tra il 1° aprile 2017 e il 31 marzo 2018 sarà di circa 535 euro, con una variazione del +7,5% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente, corrispondente a un aumento di circa 37 euro/anno. Nello stesso periodo la spesa della famiglia tipo per la bolletta gas sarà di circa 1.044 euro, con una variazione del +2,1% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente, corrispondente ad un aumento di circa 22 euro/anno. Insomma una crescita di circa 59 euro all’anno.

Ma salgono anche le tariffe autostradali. Nel complesso l’aumento medio sarà del 2,74%. Per le tratte più utilizzate dai bergamaschi, la A 4 tra Bergamo e Milano, la crescita sarà del 2,9% e il ticket passerà da 3.40 euro a 3.50; per la Brebemi un rincaro del 4,69%, per Teem del 2,70%, per Pedemontana Lombarda dell’1,70%.

Il balzo record lo registra però la tratta della concessionaria Rav: da Aosta ovest a Morgex, poco più di 31 chilometri, ci vorranno dalla mezzanotte del primo gennaio 2,8 euro in più: il pedaggio balza infatti del 50% da 5,6 euro a 8,4 euro.

Pesante anche il rincaro per la Milano Serravalle che salirà del 13,9% seguita dalla Strada dei parchi: + 12,89% (ossia oltre 2 euro in più per percorrere i 170 chilometri da Roma a Teramo). L’incremento medio del pedaggio per i veicoli sull’intera rete autostradale, scrive il ministero, calcolato sulla base delle percorrenze 2016, risulta essere pari al 2,74 per cento.

Ecco l’elenco pubblicato dal ministero
Asti-cuneo 0,00%;
Ativa +1,72%;
Autostrade per l’Italia +1,51%;
Autostrada del Brennero +1,67%;
Autovie venete +1,88%;
Brescia-Padova +2,08%;
Consorzio autostrade siciliane 0,00%;
Cav +0,32%;
Centro padane 0,00%;
Autocamionale della Cisa 0,00%;
Autostrada dei fiori +0,98%;
Milano Serravalle Milano tangenziali 13,91%;
tangenziale di Napoli 4,31%;
Rav 52,69%;
Salt 2,10%;
Sat 1,33%;
Autostrade meridionali (sam) 5,98%;
Satap tronco a4 8,34%;
Satap tronco a21 1,67%;
Sav 0,00%;
Sitaf 5,71%;
Torino – Savona 2,79%;
Strada dei parchi 12,89%;
Bre.Be.Mi 4,69%;
Teem 2,70%;
Pedemontana lombarda 1,70%

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI