BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Berlusconi vuole Maroni a Roma: Bobo lascia la corsa bis per il Pirellone?

Sembra che l'ex cavaliere, certo della vittoria del centrodestra, lo voglia a tutti i costi a Palazzo Chigi, in un ruolo importante

La campagna elettorale è iniziata e, anche se la data delle regionali lombarde non c’è, al contrario di quella per le politiche nazionali ormai quasi certa il 4 marzo, un paio di candidati sono scesi già in pista e stanno battendo paesi e città per farsi conoscere (e possibilmente votare). Giorgio Gori, in corsa per il centrosinistra, ha infatti iniziato da un paio di settimane il suo tour in Lombardia e sta mettendo a punto la lista dei candidati a suo sostegno. E Dario Violi, dei 5 Stelle (altro bergamasco aspirante presidente) gira da qualche giorno accompagnato dal suo leader Luigi Di Maio (mercoledì è stato anche in terra orobica).

Uno dei tre candidati però, il presidente uscente, Roberto Maroni, che un sondaggio Ipsos commissionato dal Pd dà in vantaggio di 6 punti sul sindaco di Bergamo e di 23 punti sull’esponente grillino, ancora non si è mosso. In verità la campagna del leghista sostenuto dal centrodestra dura di fatto da quando è in carica, da 5 anni, ma c’è chi dice che Bobo Maroni se la stia prendendo comoda per un altro motivo: la possibilità che, invece del grattacielo milanese, aspiri a un altro palazzo in quel di Roma.

Sembra infatti che Silvio Berlusconi, certo della vittoria della sua coalizione, lo voglia a tutti i costi a Palazzo Chigi, in un ruolo importante. Se così fosse il presidente lombardo abbandonerebbe la corsa in Regione per quella politica.

Tanti i dubbi su questa voce che si rincorre tra i politici dei vari schieramenti. Il primo è: la Lega rinuncerebbe alla leadership di quella che è una delle regioni più importanti d’Europa? Il secondo: perché Maroni dovrebbe lasciare un probabile bis (anche se non più così certo come si pensava) per una corsa che incontra maggiori rischi?

Eppure ci sono anche alcune frecce all’arco di questa ipotesi, in primis la non sintonia tra Maroni e la nuova Lega del segretario Matteo Salvini, inoltre lo status di parlamentare riconosce garanzie in tema di immunità che le cariche regionali non prevedono.

Chi correrebbe al posto di Maroni per la Regione più ricca d’Italia? Qualcuno fa il nome di Maria Stella Gelmini che solo un mese fa ha promosso una kermesse di successo a Milano per l’ex cavaliere e Forza Italia.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.