BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Lago ghiacciato, appello al senso di responsabilità: “Non è sicuro calpestarlo”

I sindaci hanno predisposto un programma informativo per residenti e turisti sulla pericolosità e sui rischi connessi all'accesso, sia pedonale che con pattini, alla superficie ghiacciata.

Più informazioni su

Ogni anno il fenomeno del lago d’Endine ghiacciato richiama tantissime persone ma “non presenta caratteristiche tali da poter garantire la sicurezza in modo uniforme e facilmente misurabile”: le Amministrazioni comunali dei laghi d’Endine e Gaiano tornano ad affrontare uno dei temi più delicati del periodo invernale.

Marco Zoppetti, sindaco di Endine Gaiano, Maurizio Trussardi, sindaco di Monasterolo del Castello, Renato Freri, sindaco di Ranzanico, e Simone Scaburri, sindaco di Spinone al Lago, hanno così deciso, a conclusione di un percorso di confronto e approfondimento sugli aspetti legati alla sicurezza e alle normative vigenti, di predisporre per l’inizio della nuova stagione invernale una delibera di indirizzo contenente indicazioni in merito al fenomeno “lago ghiacciato” e di conseguente apposita segnaletica e cartellonistica di avviso di pericolo in occasione della probabile formazione della consueta lastra di ghiaccio invernale sulla superficie del lago.

“Per gestire al meglio uno tra gli eventi naturalistici e paesaggistici più affascinanti della Val Cavallina, i Comuni di Spinone al Lago, Monasterolo del Castello, Ranzanico ed Endine Gaiano hanno deliberato di informare la cittadinanza e richiamare l’attenzione di residenti e turisti sulla pericolosità e sui rischi connessi all’accesso, sia pedonale che con pattini, alla superficie ghiacciata del noto specchio di acqua, che ogni anno richiama moltissime persone ma che non presenta caratteristiche tali da poter garantire la sicurezza in modo uniforme e facilmente misurabile.

L’obiettivo congiunto che per questo inverno si sono posti i Comuni è quello infatti di promuovere una maggior consapevolezza e l’effettiva conoscenza dei rischi e dei pericoli relativi al fenomeno del ghiacciamento del lago, soprattutto in zone particolarmente delicate, maggiormente esposte al sole o caratterizzate da sorgive e immissioni di torrenti che rendono disomogenea a più fragile la superficie ghiacciata, oltre che mirare a dissuadere con maggiore efficacia l’accesso alla superficie ghiacciata.

I Sindaci dei quattro comuni interessati auspicano una piena collaborazione e il dovuto senso di responsabilità da parte tutti”.

 

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.