Verdellino

Aveva 3 figli e ospitava 50 profughi Luca, morto contro un camion

Luca Vacis aveva 38 anni e gestiva una comunità di migranti: è morto in un incidente all'alba di venerdì 22 dicembre

Aveva tre figli piccoli e gestiva una comunità con 50 profughi Luca Vacis, il 38enne vittima dell’incidente avvenuto all’alba di venerdì 22 dicembre a Verdellino, lungo l’ex statale Francesca.

Figlio del fondatore della “Vacis prefabbricati” di Covo, da alcuni anni aveva lasciato l’edilizia per dedicarsi alla cooperazione sociale. Gestiva il centro di accoglienza temporanea per richiedenti asilo di Castel Liteggio, nello stesso cascinale dove viveva, accanto al castello visconteo.

Il centro era aperto da tre anni, da quando la famiglia Vacis aveva deciso di affittare una parte della proprietà di Castel Liteggio alla cooperativa Rinnovamento di Antegnate (la stessa che gestiva la comunità di Fontanella in cui lo scorso settembre si era consumata una violenza sessuale). Il 38enne era il coordinatore del centro di Cologno. Gestiva l’amministrazione della comunità e le varie attività quotidiane.

Padre di tre figli di 2, 9 e 10 anni, Vacis era un appassionato di automobilismo. Tra il 1999 e il 2001 aveva gareggiato in Formula 3000 Italia ed Euro3000. Il fratello gemello, Marco, è un soccorritore della Croce rossa di Treviglio.

La tragedia all’alba di venerdì. Erano quasi le sei quando l’uomo, residente a Cologno al Serio, a bordo della sua Mercedes A140 si è scontrato con un tir ed è poi uscito di strada. Nell’impatto l’auto è andata distrutta. Inutile l’intervento del personale medico a bordo di un’ambulanza e di un’auto medica: il 38enne è morto sul colpo.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della compagnia di Treviglio, che stanno cercando di ricostruire l’esatta dinamica e tre squadre di vigili del fuoco da Bergamo, Dalmine e Treviglio.

I vigili del fuoco hanno estratto il corpo già senza vita dall’auto e con un’autogru hanno spostato il mezzo pesante.

Il mezzo pesante viaggiava verso Zingonia ed era guidato da un 44enne, rimasto ferito in modo non grave, che è stato sottoposto ai rilievi per verificare la possibile presenza di alcol o droga nel sangue.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI