Quantcast
I libri da leggere a 18 anni per capire il mondo - BergamoNews
Vita tra i banchi

I libri da leggere a 18 anni per capire il mondo

L'articolo di Francesco Azzoni, studente dell'ultimo anno del Liceo Mascheroni, pubblicato su The Mask Magazine, il giornalino della scuola

I giornalini scolastici sono un mondo speciale da scoprire, ricchi di prove di bella scrittura e di argomenti interessanti, ma che, purtroppo, rimangono tra le mura dell’Istituto che lo ospita. Da oggi vogliamo dare spazio a questa realtà nel nostro giornale dei giovani.

“A inizio ottobre sono finalmente riuscito, dopo immense difficoltà, ad attivare il bonus cultura per i diciottenni e mi sono domandato come investirli. Ho deciso allora che avrei voluto leggere di più per cercare di comprendere la realtà globale in maniera più profonda di quanto appare. A questo proposito, ho letto una serie libri che hanno approfondito la mia visione del mondo, aiutandomi a comprendere meglio le relazioni di forza e gli interessi che spingono le decisioni, tanto della gente comune, quanto dei grandi leader.

Freakonomics

Questo breve libro (circa 200 pagine) non ha un tema unificante, anzi, si occupa di argomenti completamente distinti tra loro, come il ruolo dei genitori nell’educazione, di come il KKK sia stato battuto, dell’aborto e degli spacciatori di crack, per citarne alcuni, ma ha come obiettivo quello di analizzare tutti questi temi in una maniera non convenzionale.
L’economia è una scienza con ottimi strumenti per ottenere risposte, ma una grave mancanza di domande interessanti.
Gli autori, infatti, hanno deciso di ignorare le analisi moralistiche, semplicistiche o basate sul senso comune e la saggezza popolare, e affidarsi invece ai metodi tipici dell’economia (che secondo l’autore ha buoni metodi, ma domande noiose) quali la statistica, l’analisi a lungo termine e l’osservazione di tutti gli interessi in gioco. Così facendo, offrono non solo un’interessante lettura per chi, come me, ama approfondire anche le domande più ovvie e triviali, ma anche insegna una maniera per vedere il mondo e comprenderlo.

10 mappe che spiegano il mondo

Quest’altro libro, scritto da Tim Marshall, noto giornalista e inviato di guerra in Bosnia, Iraq, Israele ecc, è un’ottima guida per orientarsi nella geopolitica attuale in una maniera più profonda di quanto possibile in un giornale.
Vladimir Putin dice di essere un uomo religioso. Se è così, forse, ogni sera recita le sue preghiere e chiede a Dio: “perché non hai messo un po’ di montagne in Ucraina?”
L’autore, infatti, decide di indagare il mondo attuale (il libro è del 2015 e si nota qualche cambiamento da allora, ma è trascurabile) ignorando le cause immediate degli avvenimenti e cercando invece i motivi più profondi, spesso rintracciabili sugli atlanti geografici, invece che sui trattati internazionali. In questa maniera, mostra come mai Putin sia così interessato all’Ucraina o perché la Cina stia investendo ogni sua risorsa nella creazione di una forza capace di fare “Power Projection”. Insomma, un’interessante lettura per tutti coloro che volessero capire perché i grandi leader si comportano in maniere a noi incomprensibili, ma segretamente razionali.

Collasso

In questo libro, lo scrittore, J. Diamond, biologo e antropologo, si occupa della relazione tra l’uomo e l’ambiente e in particolare di come si possa sfruttare in maniera positiva quest’ultimo e di come la cattiva gestione possa distruggere società secolari.
Per fare ciò, l’autore studia i diversi approcci umani all’ambiente nel corso dei secoli, dalle popolazioni della Polinesia alle miniere del Montana, dai Vichinghi all’Australia attuale per cercare di capire cosa spinga una popolazione al suicidio ambientale e come sia possibile trovare soluzioni in tempo e soprattutto come metterle in atto. Il libro ha un’interessante parte storica, approfondita, ma mai eccessivamente complicata ed è estremamente attuale per via dell’attenta analisi del mondo moderno alla ricerca di analogie con il passato e dunque indizi sul nostro futuro.
I turisti del futuro visiteranno forse i resti arrugginiti dei grattacieli di New York, proprio come noi oggi ammiriamo le macerie delle città Maya?

Voltaire

Infine, vorrei consigliare a chiunque il Candido e il Trattato sulla Tolleranza di Voltaire che, nonostante siano stati scritti secoli fa, rimangono ancora attualissimi per l’impegno dello scrittore a favore della libertà e della tolleranza, valori che ogni giorno sembrano venire dimenticati sempre di più.
I libri più utili sono quelli i cui lettori compiono essi stessi metà dell’opera; sviluppano i pensieri di cui si mostra loro il germe; correggono ciò che sembra loro difettoso, e fortificano con le loro riflessioni ciò che appare loro debole.”

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI