Ragazza incinta, il fidanzato la invita a gettarsi dal ponte - BergamoNews
Incredibile

Ragazza incinta, il fidanzato la invita a gettarsi dal ponte

Lei è una ragazza, aspetta un bambino, non ne è felice e chiama lui, il suo ragazzo per cercare conforto. Ma lui, al cellulare le urla parole orribili

“Ammazzati, buttati di sotto, ma tieni il telefono acceso che voglio sentire il botto quando ti schianti”. E lei vuole suicidarsi buttandosi nel Tevere. Lei è una ragazza, aspetta un bambino, non ne è felice e chiama lui, il suo ragazzo per cercare conforto. Ma lui, al cellulare le urla parole orribili, che potrebbero costargli l’accusa di tentata istigazione al suicidio, visto che la polizia, che ha salvato la ragazza, ha inviato una segnalazione in procura.

Qualche giorno fa due due agenti del commissariato San Paolo arrivano a Ponte Marconi sul Tevere, Roma, avvertiti da alcuni passanti che hanno visto una ragazza scavalcare la balaustra e sporgersi verso il fiume mentre piange e parla al cellulare.

I passanti hanno tentato di farla desistere ma senza successo. Gli agenti però riescono ad afferrarla per le spalle e a portarla sul marciapiede. Al commissariato, la giovane racconta di essere una studentessa, di stare affrontando un periodo difficile e di non riuscire a proseguire negli studi. Dice di avere scoperto da poco di essere incinta e di essere in crisi con il fidanzato.

L’ha chiamato per cercare una soluzione, ma per tutta risposta ha ricevuto un invito a buttarsi “di testa perché se mi fossi buttata di fianco non sarei morta e sarei rimasta invalida a vita, con lui obbligato a occuparsi di me”. La ragazza è stata poi ricoverata all’ospedale Sant’Eugenio.

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it