Aiuti illegali all'Ikea: la scure dell'Ue sul colosso dei mobili e l'Olanda - BergamoNews
L'indagine

Aiuti illegali all’Ikea: la scure dell’Ue sul colosso dei mobili e l’Olanda

Dopo McDonald’s, dopo la francese Engie, dopo la Apple, la scure della Commissione europea cala ora sull'Ikea

Dopo McDonald’s, dopo la francese Engie, dopo la Apple, la scure della Commissione europea cala ora sull’Ikea. L’antitrust della Ue ha infatti avviato un’indagine sul trattamento fiscale che l’Olanda ha riservato in particolare a Inter Ikea, con l’ipotesi che si tratti di aiuti illegali riservati al colosso svedese con intese ad hoc nel 2006 e nel 2011.

Grazie a questi accordi l’Ikea avrebbe versato meno tasse del dovuto ottenendo un vantaggio  illegale su altre aziende. Secondo quanto scrive il Corriere della Sera, grazie a una complessa rete di imprese, il colosso svedese avrebbe spostato denaro e profitti tra Olanda, Lussemburghese e Liechtenstein. Il meccanismo avrebbe permesso al colosso svedese di eludere centinaia di milioni di tasse in tutta l’Unione europea, circa un miliardo di euro di tasse tra il 2009 e il 2014.

Ikea dal canto suo replica dichiarando che gli accordi con il governo olandese “non violano” le normative Ue: “Il modo in cui siamo stati tassati dalle autorità nazionali olandesi, secondo noi è stato conforme alle norme dell’Ue. È positivo che l’indagine possa chiarirlo e confermarlo”.

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it