Nevica in Italia e in Europa: traffico aereo ritardato, allerta in Liguria e Toscana - BergamoNews
Maltempo

Nevica in Italia e in Europa: traffico aereo ritardato, allerta in Liguria e Toscana

Le fitte nevicate che da domenica stanno interessando il continente hanno messo in difficoltà aeroporti, ferrovie e autostrade.

Sono stati oltre 600 i voli cancellati in Europa nella giornata di domenica a causa delle forti nevicate che hanno interessato soprattutto la parte Nord del continente: Inghilterra, Olanda e Germania le più colpite, con gli aeroporti di Londra, Berlino, Dusseldorf e Amsterdam che per ore non hanno potuto accogliere aerei. 

Aeroporti strategici che hanno mandato in tilt il traffico nei cieli europei, con pesanti ripercussioni su tutta la rete. 

Non è iniziato meglio il lunedì mattina, con tanti disagi che si stanno però riducendo con il passare delle ore: partenze ritardate, in media di una quarantina di minuti, anche all’aeroporto di Orio al Serio dove sono stati cancellati due voli per Monaco di Baviera e quello per Berlino che doveva partire domenica sera alle 22.40 è previsto per le 9. Dalle 8.30 i voli hanno ricominciato a decollare senza ritardi. (Clicca qui per verificare lo stato del tuo volo

Non è stato risparmiato dalle conseguenze del maltempo nemmeno il traffico ferroviario: diverse cancellazioni in Piemonte, treni bloccati sugli appennini. La circolazione sulla rete gestita da Trenord ha subito qualche rallentamento nella mattinata di lunedì ma, al momento, nessuna segnalazione di ritardi pesanti se non lungo le direttrici che percorrono tratte a nord della regione.

Neve anche in autostrada, in particolare nel Varesotto e basso Piemonte in direzione della Liguria.

Proprio sul Levante ligure è scattata l’allerta rossa, così come in Toscana dove neve e pioggia cadono ininterrottamente da domenica.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it