BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Faccia a faccia, a Dalmine raccolti più di 200 filmati amatoriali del Novecento

Venerdì 15 dicembre, dalle 17,30 alla Fondazione Dalmine, si tiene l'evento finale che mostra al pubblico il meglio del materiale raccolto e racconta la memoria locale che si è potuto raccogliere e salvare grazie al progetto

Si conclude il progetto Faccia a faccia. Memoria visiva della città industriale di Lab 80, che in poco più di due mesi ha permesso di raccogliere più di 200 vecchi filmati amatoriali girati a Dalmine tra gli anni ’50 e gli anni ’90 del Novecento, con l’obiettivo di raccogliere testimonianze in vecchi formati di pellicola che, altrimenti, sarebbero andati persi.

Venerdì 15 dicembre, dalle 17,30 alla Fondazione Dalmine, si tiene l’evento finale che mostra al pubblico il meglio del materiale raccolto e racconta la memoria locale che si è potuto raccogliere e salvare grazie al progetto.

“Con questo progetto è stata recuperata una parte della storia di Dalmine che fino ad ora mancava – spiega Giulia Castelletti, responsabile dell’Archivio Cinescatti di Lab 80, dove i filmati raccolti sono stati digitalizzati e archiviati -. Siamo andati oltre le nostre attese, non solo per gli ottimi numeri a cui siamo arrivati: all’interno delle immagini raccolte non abbiamo trovato solo una città industriale in evoluzione ma una moltitudine di storie di vita fatta di racconti privati”.

Oltre a raccogliere, digitalizzare e archiviare i filmati, gli operatori dell’Archivio Cinescatti, che per diverse giornate sono stati presenti a Dalmine con il loro Cinefurgone, un piccolo cinema ambulante, hanno anche intervistato chi ha consegnato le proprie pellicole e alcuni famigliari. Un modo per allargare ulteriormente le testimonianze e completare quanto raccontavano i documenti filmici.

“Durante l’evento di venerdì 15 – spiega ancora Giulia Castelletti -, oltre a restituire i formati originali ai donatori che ce li hanno consegnati, proietteremo alcuni estratti di ognuno dei fondi filmici recuperati”.

L’incontro, che sarà aperto da un aperitivo, si concluderà con un intervento di Peppino Ortoleva, storico dell’Università di Torino, e con la consegna di un attestato di partecipazione ad ognuna delle famiglie che hanno partecipato al progetto.

Faccia a faccia. Memoria visiva della città industriale fa parte del più ampio progetto faccia a faccia per la conservazione e valorizzazione del patrimonio industriale di TenarisDalmine. L’iniziativa di Lab 80 è stata realizzata grazie alla collaborazione di Fondazione Dalmine, del Comune di Dalmine e al contributo di Regione Lombardia con il bando “Avviso Unico Cultura 2017: Ambito patrimoniale immateriale”, gestito da AESS – Archivio di etnografia e storia sociale.

Info per il pubblico www.cinescatti.it, www.lab80.it, 035.342239

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.