BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La star del belcanto Juan Diego Flòrez al Sociale in recital

Il festival Donizetti Opera si appresta a chiudere il sipario dell'edizione 2017 con un appuntamento conclusivo imperdibile.

Il festival Donizetti Opera si appresta a chiudere il sipario dell’edizione 2017 con un appuntamento conclusivo imperdibile: il recital della star del belcanto Juan Diego Flórez. Il celebre tenore peruviano farà a Bergamo, lunedì 4 dicembre alle 20.30 al teatro Sociale,  la sua unica tappa dei concerti cameristici che in questi mesi lo hanno impegnato nei teatri di tutta Europa.

Flórez, da vent’anni costantemente in ascesa sui palcoscenici di tutto il mondo, proporrà a Bergamo un programma dedicato principalmente a Gaetano Donizetti. Accompagnato al pianoforte da Vincenzo Scalera, Flórez omaggerà Donizetti con pagine da camera e naturalmente anche operistiche da Lucia di Lammermoor, da La Favorite e Roberto Devereux. Quindi dedicherà la seconda parte del concerto a brani di Rossini, Massenet, Puccini e Verdi. Una selezione raffinata e ricercata pensata per l’atmosfera raccolta del Teatro Sociale, luogo ideale per questo unico impegno cameristico in Italia nel 2017.

Disponibili ancora dei biglietti che possono essere acquistati direttamente presso la biglietteria del Teatro Sociale aperta dalle ore 18.00 il giorno stesso dello spettacolo: saranno a disposizione offerte last minute per i posti di solo ascolto a prezzi scontati.

Juan Diego Flórez tenore
Vincenzo Scalera pianoforte

Gaetano Donizetti (1797 – 1848)
L’amor funesto
Me voglio fa ‘na casa
“Ange si pur” (La Favorite, Atto IV)
“Tombe degli avi miei” (Lucia di Lammermoor, Atto II)
“Ed ancor la tremenda porta” (Roberto Devereux, Atto III)

***
Gioachino Rossini (1792 – 1868)
“Che ascolto? ohimé!” (Otello, Atto I)

Jules Massenet (1842 – 1912)
“Pourquoi me réveiller” (Werther, Atto III)

Giacomo Puccini (1858 – 1924)
“Che gelida manina” (La bohème, Atto I)

Giuseppe Verdi (1813 – 1901)
“La mia letizia infondere” (I Lombardi alla prima crociata, Atto II)
“Lunge da lei” (La traviata, Atto II)

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.