BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Infastidita sul tram e insultata per strada: non voglio aver paura nella mia Bergamo”

Riceviamo e pubblichiamo la lettera firmata di una lettrice bergamasca, che vuole denunciare l'insicurezza di cui si sente vittima da quando ha iniziato a prendere i mezzi pubblici per recarsi al lavoro

Più informazioni su

Riceviamo e pubblichiamo la lettera firmata di una lettrice bergamasca, che vuole denunciare l’insicurezza di cui si sente vittima da quando ha iniziato a prendere i mezzi pubblici per recarsi al lavoro, nel centro di Bergamo.

Ecco il suo sfogo.

Gentile Redazione,
mi trovo costretta a dovervi scrivere questa mail per segnalarvi alcune vicende che hanno interessato le mie ultime quattro settimane.
Pur amando la mia città infatti,mi trovo ad essere profondamente scandalizzata dalla gestione della sicurezza fornita al cittadino che utilizza i mezzi di trasporto per potersi recare al lavoro.
Utilizzare i servizi pubblici per spostarsi in città nel 2017 è quanto di più sostenibile possiamo fare per contribuire alla diminuzione dell’inquinamento, di cui Bergamo è altamente interessata.
Purtroppo, però, non riscontro un incentivo alla questione: i prezzi dei biglietti rimangono quasi pari a quelli di una qualsiasi capitale europea, mentre il servizio garantito tende a peggiorare.
Sono una lavoratrice che utilizza il nuovo tram da Bergamo ad Albino ed in quattro settimane ho dovuto assistere a scene di degrado cosí violente da essere ignorate dallo stesso conducente, che spaventato si chiudeva in cabina e ignorava il pericolo a bordo. Persone visibilmente deviate dall’abuso di alcool e sostanze stupefacenti hanno reso il mio tragitto pericoloso e poiché donna ho subito numerose violenze verbali, che ho dovuto eludere per non rischiare reazioni indesiderate.
In pieno giorno e nelle prime ore serali (19/21), ho anche temuto per la mia incolumità nel tragitto stazione-Porta Nuova, assistendo a scene allarmanti e ad altre molestie verbali.
Più volte.
È questa la mia Bergamo? Una città di cui aver paura? Una città che si fa vanto della vivibilità solo fra le quattro mura e non considera il tessuto suburbano? Una città a volte più pericolosa di una capitale pur non avendone le caratteristiche?
Pubblicate per favore le mie parole perché arrivino a chi sta incassando i miei soldi, che con grande timore devo andare a guadagnare subendo pressioni psicologiche solo perché non uso l’automobile. Io non smetterò di denunciare con qualsiasi strumento in mio diritto, perché Bergamo è più di questo ed è ora di renderla la città che merita di essere.
Cordialmente,
una bergamasca

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.