BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Giovani che si tolgono la vita: Facebook crea un sistema per evitarlo foto

Come? Identificando le persone che, attraverso un post o un video, manifestano la volontà di chiudere con la loro vita.

Un aiuto dalla tecnologia avanzata e dai social per prevenire i suicidi? Forse sarà possibile fra non molto. Facebook ci sta provando utilizzando l’intelligenza artificiale a questo scopo. Come? Identificando le persone che, attraverso un post o un video, manifestano la volontà di chiudere con la loro vita. L’operazione perché “il suicidio è una delle prime cause di morte tra i giovani, e questo è un nuovo approccio alla prevenzione”, come scrive il Ceo di Facebook, Mark Zuckerberg.

L’Ansa spiega che i contenuti segnalati dal “cervello digitale” passeranno al vaglio di esaminatori in carne e ossa, così da intervenire in modo tempestivo con il primo soccorso in caso di necessità.

Non è un sogno avveniristico perché l’utilizzo dell’intelligenza artificiale è già stato testato negli Usa, dove nell’ultimo mese Facebook ha lavorato con le autorità competenti su un centinaio di casi, spiega il social network in una nota. Adesso gli strumenti vengono estesi a livello globale, ma non ancora in Italia e nell’Unione europea. Qui la società sta dialogando con i regolatori per introdurre il nuovo sistema, facendo sì che sia in accordo con le regole Ue su internet e la privacy.

L’approccio di Facebook prende in esame non solo i post degli utenti, ma anche come vengono commentati dai loro amici (ad esempio “stai bene?”, “posso aiutarti?”), oltre alle segnalazioni che tutte le persone possono fare se si imbattono in contenuti allarmanti sul social.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.