Quantcast
Visoni liberi, protesta animalista all'allevamento di Misano - BergamoNews
Domenica

Visoni liberi, protesta animalista all’allevamento di Misano

L'associazione "Essere Animali" ha composto la scritta "Visoni liberi" con enormi lettere

Visoni liberi. Con questo grido nel pomeriggio di domenica 26 novembre l’associazione “Essere Animali” ha protestato davanti agli allevamenti di visoni di Misano di Gera D’Adda e Capergnanica (CR). Gli attivisti hanno composto la scritta “Visoni liberi” con enormi lettere, proprio davanti alle strutture dove gli animali sono chiusi in gabbia e uccisi per fare pellicce.

“Questo periodo negli allevamenti di visoni – spiegano i responsabili – coincide proprio con le uccisioni degli animali, documentate più volte nelle video-indagini dell’associazione. Per non rovinare il loro prezioso manto i visoni vengono uccisi in camere a gas”.

Quelli di Misano di gera d’Adda e Capergnanica sono tra gli otto allevamenti di visoni attivi in Lombardia, situati tra le province di Bergamo, Cremona e Brescia.

L’obiettivo dell’azione era quello di porre attenzione sulle sofferenze patite dagli animali per produrre pellicce e chiedere che questa pratica, considerata altamente lesiva anche dall’Unione Europea, venga definitivamente abolita in Italia.

“Costringere i visoni a vivere in piccole gabbie, privarli di ogni stimolo e ucciderli in camere a gas per ottenere un indumento oramai superato come la pelliccia è ritenuta una sofferenza inutile ed evitabile dall’86% degli italiani che, secondo un sondaggio Eurispes, vorrebbero vietare questi allevamenti”, affermano da Essere Animali.

In Italia non si allevano più volpi o cincillà per fare pellicce. Solo gli allevamenti di visoni sono ancora diffusi. “In queste strutture gli animali vivono in piccole gabbie di rete metallica, non toccano mai il terreno o l’erba, non hanno accesso all’acqua, elemento in cui passerebbero gran parte della loro vita naturale”.

“Per ben tre volte in pochi anni il Team investigativo di Essere Animali ha documentato la presenza di visoni morti o feriti negli allevamenti italiani, così come di animali con segni di sofferenza psicologica. La situazione non cambierà mai, perché sono animali selvatici costretti a vivere in uno spazio minuscolo”, ribadiscono da Essere Animali.

Nelle settimane scorse è stato chiuso un altro allevamento di visoni in Bergamasca, ad Antegnate.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Abbattimento visoni a Capralba, nel Cremonese
La denuncia
Video shock: l’abbattimento di migliaia di visoni nell’allevamento di Capralba
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI