BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Giostra bruciata sul Sentierone: “Chi ha visto qualcosa di strano parli” fotogallery video

Gli inquirenti ipotizzano un surriscaldamento del sistema idraulico, ma i proprietari non ci credono: "Siamo distrutti, non sappiamo come ripartire"

“Chi ha visto qualcosa di strano si rivolga alle forze dell’ordine”. È l’appello lanciato da Marina Formaggia, figlia di Roberto, proprietario della giostra andata in fiamme in piazza Vittorio Veneto a Bergamo nella serata di mercoledì 22 novembre.

L’incendio è divampato intorno alle 20. All’improvviso, per cause ancora da chiarire, la struttura ha iniziato a prendere fuoco. Un rogo imponente, che in pochi minuti ha invaso l’intero impianto. Inutile la chiamata ai vigili del fuoco da parte di alcuni passanti: il loro intervento, durato oltre un paio d’ore, ha permesso di salvare solo un cavallino. I danni sono stati quantificati in circa 500mila euro. La giostra non era coperta da assicurazioni, poiché troppo vecchia.

“Siamo distrutti, è come se ci fosse morto un parente – commenta in lacrime Marina Formaggia – . Quella giostra per noi era tutto. Non solo a livello economico, ma anche simbolico, visto che era in nostro possesso da tre generazioni. Siamo scioccati. Non sappiamo come ripartire. Ringrazio i tanti bergamaschi che in queste ore ci hanno portato un messaggio di conforto”.

I Formaggia, famiglia lecchese, sono da anni sulle piazze della nostra città: “Mio nonno è stato tra i primi a portare il luna park alla Celadina. Poi, negli ultimi anni, abbiamo deciso di toglierci da quel giro e di montare solo le giostre nei centri storici. È da 21 anni che veniamo in centro a Bergamo nel periodo natalizio”.

Mercoledì sera Marina e suo padre avevano da poco lasciato piazza Vittorio Veneto: “Abbiamo spento la giostra alle 19.30 e siamo andati a bere qualcosa in un bar – racconta la donna – . Alle 19.45 siamo passati di fronte ai cavallini ed era tutto a posto. Mentre tornavamo a casa, meno di mezzora dopo, ci hanno chiamato per comunicarci ciò che stava succedendo”.

Giostra in fiamme sul Sentierone

Sulle possibili cause i vigili del fuoco e il pubblico ministero Maria Cristina Rota escludono quasi certamente la pista dolosa. Gli inquirenti parlano di un guasto, un surriscaldamento del sistema idraulico. “Mah, a me sembra molto strano – risponde Formaggia – . Venerdì abbiamo fatto il collaudo, senza riscontrare anomalie. E noi siamo molto meticolosi nei controlli. Tra l’altro mercoledì non abbiamo avuto problemi di alcun tipo”.

“Non do molto peso all’ipotesi del guasto – aggiunge – . Anzi, voglio lanciare un appello: se qualcuno ha visto qualcosa di strano nella zona, si rivolga alle forze dell’ordine e racconti tutto. Preciso comunque che non abbiamo avuto segnali che facciano pensare a una vendetta. C’è da dire che il posto in cui si trovava la giostra è comunque ambito”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.