Micotossine nella farina della polenta di Arcene: non consumatela - BergamoNews
Ministero della salute

Micotossine nella farina della polenta di Arcene: non consumatela

Per la presenza di micotossine oltre i limiti di legge il Ministero della salute ha richiamato due lotti di farina integrale per polenta, a marchio Vitali. La farina di mais coinvolta è prodotta ad Arcene, nello stabilimento di via Grandi 19, dall’azienda agricola Eredi Franco Vitali.

Nel dettaglio, i prodotti richiamati sono: la farina integrale per polenta di mais marano e rostrato rosso macinata a pietra appartenente al numero di lotto MR1/17; e la farina integrale per polenta di mais nero ArceNero macinata a pietra con il numero di lotto N1/17. Le confezioni coinvolte sono vendute in formato da 500g e 1 kg e riportano la data di scadenza 30/06/2018.

Si raccomanda di non consumare la farina di mais oggetto del richiamo e di riportarli (anche in caso di confezioni aperte) al punto vendita d’acquisto, dove saranno rimborsati. Per ulteriori informazioni e chiarimenti, è possibile contattare l’azienda all’indirizzo email aziendavitali@gmail.com

Su richiesta della società agricola Eredi Franco Vitali s.s. precisiamo che “l’azienda ha compilato e affisso come richiesto dalla legge presso ogni punto vendita il richiamo del Ministero della Salute. L’azienda invita a consultare il sito del Ministero della Salute ove è possibile essere notiziati della circostanza che le micotossine possono essere cancerogene laddove assunte in quantità elevate e per periodi di lunga durata, quantità e periodi non rapportabili a un prodotto come la farina per polenta”.

leggi anche
  • Video-intervista
    Micotossine nella farina per polenta, l’esperto: “Problema enorme, manca legislazione”
    Massimo Valverde
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it