BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Bonus cultura, quali libri comprare?” I consigli dell’esperta

La rubrica B&B, Book and BGY risponde ad Emanuele: aspettiamo le vostre domande in posta di redazione di BGY – Be Young ( redazione@bgyoung.it ) o, per i più social, nella "Direct" del nostro profilo Instagram, @bergamonewsyoung

Più informazioni su

Tante le e-mail di ragazzi e ragazze che vogliono cercare dei consigli su quali libri leggere o regalare nel nostro giornale dei giovani. 

La nostra esperta letteraria Sara risponde ad Emanuele, 18 enne, in cerca di consigli su come spendere il suo bonus cultura da 500euro…

“Buongiorno, sono Emanuele e frequento l’ultimo anno dell’Istituto Vittorio Emanuele. Ho ricevuto il bonus cultura da 500euro da spendere in libri e altro. Di solito leggo libri moderni che trovo più facili dei libri classici, tuttavia la mia professoressa mi ha consigliato di sfruttare questi soldi per comprare i classici della letteratura. Chiedo, quindi, all’esperta Sara se può consigliarmi dei classici da mettere nel mio carrello delle spese.

Grazie e complimenti per la rubrica!
Emanuele”

“Caro Emanuele,

Grazie per la tua richiesta! Molto intelligente e matura, nonché rincuorante: è bello sapere che il bonus cultura venga speso in libri, i più preziosi fondamenti della nostra cultura e formazione.
Spero di cuore che la tua domanda a questa rubrica sia d’ispirazione a molti altri ragazzi che, come te, vogliano costruirsi una personale libreria per la vita e per gli anni di studio che vi aspettano.
Se ami leggere – soprattutto romanzi contemporanei – ma hai al contempo deciso di inoltrarti nel mondo dei classici della letteratura, ti sei rivolto alla persona giusta.
Ricordo che anche io alle superiori avevo deciso di farmi una personale cultura letteraria. Attenzione però che ciò non significa tuttavia andare a pescare qualche libro che non sappia più parlarti, che non riesca più ad intercettare la tua vita perché troppo “elitario”, o superato, o poco affine a un giovane del 2017.
Per questo ho deciso di consigliarti sì dei classici della letteratura, ma a portata di ogni età e di ogni gusto letterario. Questi sono i libri che mi hanno toccato il cuore quando ho deciso anche io di spendere bene qualche soldino per dare una base solida alla mia libreria:

1. Il Fu Mattia Pascal – Luigi Pirandello. Un libro che poco si presta a recensioni o descrizioni; una storia geniale e coinvolgente, scritta magistralmente, colma di insegnamenti di vita che ti accompagneranno e ti faranno venire voglia spesso di rileggerlo.

2. La coscienza di Zeno – Italo Svevo. Altra pietra miliare della letteratura contemporanea. Psicologico ma assolutamente concreto, scoprirai di essere anche tu un po’ Zeno, come lo abbiamo scoperto tutti noi. Destabilizzante e al tempo stesso coinvolgente, un libro unico che non può mancare nella tua libreria.

3. Il barone rampante – Italo Calvino. Calvino è uno scrittore da cui poter imparare molto, uno stile asciutto eppure molto eloquente, capace di intercettare emozioni e pensieri profondi con una semplicità quasi disarmante. Se ti appassionerà la sua scrittura, compra anche altri libri suoi come Il sentiero dei nidi di ragno, Palomar, Le città invisibili. Non te ne pentirai e – in men che non si dica – Calvino diverrà tuo amico.

4. Il giardino dei Finzi Contini – Giorgio Bassani. Un po’ meno conosciuto dei precedenti probabilmente, ma non deve passare inosservato. Storico, realistico, romantico ed eroico. Un’esperienza di lettura che sarà indimenticabile.

5. Ossi di Seppia – Eugenio Montale. Una raccolta di poesia non può mancare in una libreria, Montale è magico. Troverai molte situazioni di vita dentro quelle poesie, e ti saranno spesso di aiuto e di ispirazione, soprattutto quando a scuola imparerai a saper leggere tra le sue righe, o meglio tra i suoi versi.

6. Madame Bovary – Gustave Flaubert. Una di quelle letture che bisogna fare nella vita, Emma diverrà un personaggio indimenticabile e imparerai a leggere negli occhi di chi incontri qualcosa di più di quel che si vede, a leggere oltre una vita tranquilla un’anima inquieta.

7. Faust – Jonathan Wolfgang Goethe. Romanticismo tedesco, pieno e puro, intercalato in una storia diversa ma anche antica come il mondo. Il Faust è una cartina al tornasole per capire molto della letteratura contemporanea europea. Di Goethe consiglio anche la lettura dei Dolori del Giovane Werther, libro che può spaventare di primo impatto, ma che ti coinvolge parola per parola come se fossi tu il mittente o il destinatario di quelle lettere inarrivabili e forse mai del tutto arrivate. Romanzo epistolare modello per il nostro Foscolo e per le sue Ultime Lettere di Jacopo Ortis.

8. Il ritratto di Dorian Gray – Oscar Wilde. Ne sono stati fatti film, riadattamenti, riscritture, di tutto e di più. Eppure il vero libro in pochi lo leggono: da giovani è, a tratti, un toccasana. Un modo di trovare ristoro alla nostra sete di vita.

9. Delitto e Castigo – Fedor Dostoevskij. Insieme a Guerra e Pace di Tolstoj è il romanzo russo più influente di tutti i tempi. Un aiuto concreto a capire situazioni e ideologie chiave della storia contemporanea.

10. Antologia di Spoon River – Edgar Lee Masters. Per l’autore statunitense avrei potuto citarti Hemingway o Fitzgerald (che puoi leggere ovviamente perché sono incredibili), ma ho scelto delle poesie che hanno quasi dell’assurdo, in forma di epitaffio raccontano la vita di personaggi più o meno comuni di un paesino del Midwest. Riconoscerai volti e storie di vita di sempre lì dentro. La raccolta di Spoon River fece scalpore e la sua pubblicazione in Italia ebbe un destino travagliato; spinta da due grandi come Cesare Pavese e Fernanda Pivano, la traduzione di queste poesie arrivò fino a Fabrizio De Andrè, le cui canzoni forse andrebbero studiate come qualcosa di letterario. Il suo album “Non al denaro, né all’amore, né al cielo” contiene liberi riadattamenti di queste poesie in forma di musica. Te ne innamorerai.

Caro Emanuele, la carne al fuoco come vedi è molta.
Ho cercato qualcosa di classico e fondamentale ma anche di moderno e contemporaneo per avvicinarmi ai tuoi gusti.
Spero di esserti stata d’aiuto, non esitare a scrivermi ancora se ne avessi bisogno.
La tua libreria diventerà piena e molto bella: la cosa ti fa molto onore.
Buona lettura allora!
Ti ringrazio,
Sara”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.