BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Gabbiadini per Belotti? Ventura sceglie un altro bergamasco per andare al Mondiale

Il tecnico orientato a confermare il modulo e a cambiare tre pedine: Jorginho per lo squalificato Verratti, Florenzi per De Rossi e l'attaccante del Southampton per quello del Torino.

La sconfitta, le critiche, la paura di mancare un appuntamento importantissimo e di incappare in un fallimento epocale: lunedì sera a S. Siro l’Italia di Gian Piero Ventura si gioca il tutto per tutto contro la Svezia, partendo dallo svantaggio di 1-0 rimediato venerdì a Solna.

“Non andare al Mondiale sarebbe una catastrofe”: parlava così il ct della Nazionale agli inizi di ottobre, alla vigilia delle gare decisive con Macedonia e Albania, e il pensiero, poco più di un mese dopo, è sempre lo stesso, solo con qualche preoccupazione in più.

Se allora, infatti, l’avversario era modesto e nulla aveva da chiedere a quei due incontri se non il prestigio di giocarsela alla pari con gli Azzurri, la squadra di Janne Andersson ha dimostrato di avere le carte in regola per mettere in difficoltà l’Italia: conscio dei grossi problemi avuti in Svezia, Ventura è pronto a cambiare, negli uomini e forse nel modulo.

Dalla tentazione 4-2-4, vero credo del tecnico, al più equilibrato 3-5-2: certo è che nel ritorno del playoff non scenderà in campo sicuramente Verratti, squalificato, e le chiavi del centrocampo dovrebbero finire a Jorginho che non gioca in maglia azzurra da un anno e mezzo.

Oltre al centrocampista del Psg, però, dovrebbero partire fuori dall’undici titolare anche De Rossi e Belotti: il romanista a favore del compagno di squadra Florenzi, mentre il capitano del Torino lascerà spazio all’altro bergamasco Manolo Gabbiadini che farà coppia con Immobile.

All’attaccante del Southampton il compito di portare a spasso i centrali svedesi che all’andata andarono a nozze con la staticità del doppio centravanti, rendendo inoffensivo il bomber del Toro e annullando completamente un giocatore che, in maglia Lazio, quest’anno sembra trasformare in oro tutto ciò che tocca.

Si va invece verso la conferma in blocco della difesa, con Buffon in porta e il trio Barzagli, Bonucci, Chiellini a protezione: Darmian e Candreva sulle corsie laterali, Parolo a completare il terzetto centrale di centrocampo.

Serve un’impresa, inutile negarlo: con la voglia e la spinta di un S. Siro che per l’occasione sarà tutto tricolore.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.