BGY sbarca anche su Youtube: online con Parole Ostili - BergamoNews
Il video

BGY sbarca anche su Youtube: online con Parole Ostili

I 9 panel dell'edizione 2017 di Parole Ostili sono online, sul loro canale youtube. In "social media e scritture" c'è anche BGY, il giornale di Bergamonews fatto dai giovani per i giovani

Il potere delle parole: commuovono, scaldano il cuore, valorizzano, danno fiducia, semplicemente uniscono… E poi ci sono tweet, post e status: feriscono, fanno arrabbiare, offendono, denigrano, inesorabilmente allontanano. Perché se è vero che i social network sono luoghi virtuali dove si incontrano persone reali, allora viene da domandarsi chi siamo e con chi vogliamo condividere questo luogo. Parole O_Stili ha l’ambizione di essere questo: l’occasione per ridefinire lo stile con cui stare in rete e magari diffondere il virus positivo dello “scelgo le parole con cura”, perché “le parole sono importanti”.

Parole O_stili ha avuto il suo primo momento di confronto il 17 e 18 febbraio a Trieste durante un evento organizzato assieme alla Regione Friuli Venezia Giulia. In particolare, durante la prima giornata di lavori, aperta dalla Presidente della Camera Laura Boldrini, la community si è confrontata su linguaggi e comportamenti digitali.

Durante la prima giornata di Parole O_Stili  è stato, inoltre, presentato il “Manifesto della comunicazione non ostile”, una carta che raccoglie 10 princìpi di stile scritto a più mani dalla community con l’obiettivo di ridurre, arginare e combattere i linguaggi negativi che si propagano facilmente in Rete.

I princìpi sono stati presentati al pubblico da Gianni Morandi ad una platea di oltre 600 persone, riunite presso la Stazione Marittima di Trieste, tra le quali oltre 800 giornalisti tra comunicatori, giornalisti, politici, professionisti dell’informazione, docenti, pubblicitari e personalità di spicco a cui le parole e il linguaggio stanno particolarmente a cuore. Durante la prima giornata sono intervenute anche la Presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini intervistata dalla giornalista Anna Masera e la Presidente della Regione Friuli-Venezia Giulia Debora Serracchiani.

Durante la seconda giornata, che ha visto la partecipazione del direttore del tg La7 Enrico Mentana, si sono svolti nove tavoli tematici su: social media e scritture; giornalismo e mass media; viaggi, sport e divertimento; politica e legge; business e advertising; in nome di Dio; giovani e digitale; bufale e algoritmi; bambini e social media.

Noi di Bergamonews, noi di BGY c’eravamo. Abbiamo preso parte al panel “giornalismo e mass media” con la responsabile del nostro giornale dei giovani, Lucia Cappelluzzo, per parlare della nascita del primo giornale in Italia fatto interamente dai ragazzi e della sua politica contro le parole d’odio. Noi vogliamo offrire ai giovani uno spazio dove poter raccontare le proprie esperienze di vita e esporre la propria opinione sui fatti del mondo, ma sempre nel rispetto dell’etica e della qualità delle parole, cercando di abituarvi-ci- ad esprimersi con un pensiero articolato, studiato, approfondito e veritiero perché, come afferma il Manifesto, “le parole danno forma la pensiero”

LEGGI QUI L’ESPERIENZA DI BGY A PAROLE OSTILI

Ora, i 9 panel dell’edizione 2017 di Parole Ostili sono online, sul loro canale youtube. 

 

leggi anche
  • I dati
    Parole Ostili: il 58% dei giovani non difende le vittime d’odio sul Web
    odio web
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it