Quantcast
Angeloni: "La Bof rimane completamente del Comune di Bergamo" - BergamoNews
L'assessore

Angeloni: “La Bof rimane completamente del Comune di Bergamo”

La Bergamo Onoranze Funebri rimane completamente del Comune di Bergamo: lo ha annunciato nel pomeriggio di oggi l’Assessore ai servizi cimiteriali del Comune di Bergamo Giacomo Angeloni.

La Bergamo Onoranze Funebri rimane completamente del Comune di Bergamo: lo ha annunciato nel pomeriggio di venerdì 10 novembre l’Assessore ai servizi cimiteriali del Comune di Bergamo Giacomo Angeloni.

“Abbiamo detto a più riprese che il Comune non ha mai avuto alcune intenzione di privarsi della BOF, salvaguardandone l’interesse pubblico. Dopo che le trattative per l’affitto del ramo d’azienda delle scorse settimane si sono concluse con un nulla di fatto – spiega Angeloni – possiamo dirlo con ulteriore convinzione”.

Si apre ora una nuova fase per l’azienda. Vi è la necessità di una ristrutturazione per poter mantenere gli standard di servizio attuali. Saranno da valutare nuove assunzioni e anche ritocchi alle tariffe per i servizi che vengono svolti fuori città: nel capoluogo non si prevedono incrementi di tariffe, a sottolineare la valenza pubblica della quale il Comune di Bergamo investe la Bergamo Onoranze Funebri.

“Dovremo necessariamente prevedere delle novità, se vogliamo che la BOF possa continuare ad avere quella stabilità societaria che da sempre è un valore della società. Il fatto che possano esserci nuove assunzioni dimostra che il Comune e la BOF intendono continuare ad investire su questa impresa”.

leggi anche
Bof
Il caso
Bergamo Onoranze Funebri, stato di agitazione per i dipendenti
Bof
Il caso
Bergamo Onoranze Funebri, la Lia replica a Federconsumatori
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it