BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Logimar, il calendario 2018 reinterpreta “We are the world” ed è solidale

Lo staff reintrepreta "We are the World" a sostegno di CESVI. Saponaro: "L'originale del 1985 combatteva la fame in Africa, noi supportiamo la Casa del Sorriso in Zimbawe"

Dopo la danza Maori (2014), i Supereroi (2015), il G20 (2016) e Star Wars (2017), è in arrivo una nuova parodia per il Calendario aziendale di Logimar, azienda di trasporti di Carobbio degli Angeli.

Il calendario 2018 è il remake del “selfie” di United Support Artists nella sala di registrazione; il supergruppo americano che nel 1985 incise la canzone We are the World per raccogliere fondi contro la fame in Africa, continente sul quale Logimar sta investendo molto come azienda, avendo fra l’altro fondato 3 anni fa l’Africa Logistics Network, network mondiale di spedizionieri esperti di Africa.

Dopo aver scelto il soggetto, è parso normale voler recuperare anche lo spirito dell’ensemble riunito per l’occasione da Michael Jackson e Lionel Richie (che vide la partecipazione anche di Bob Dylan, Stevie Wonder, Diana Ross, Ray Charles, Tina Turner, Cyndi Lauper, e Bruce Springsteen tra i tanti altri) a metà degli anni ’80.

“Quest’anno, avendo scelto una canzone simbolo della solidarietà come “We are the World”, non potevamo non abbinarlo a un’iniziativa, nel nostro piccolo, simile anche negli intenti – spiega Marcello Saponaro, CEO di Logimar -. E così abbiamo chiamato il Cesvi di Bergamo e insieme abbiamo scelto di contribuire al mantenimento della Casa del Sorriso in Zimbabwe, una struttura di sostegno ai bambini di strada di Harare nel sud dell’Africa. Bambini orfani a causa dell’AIDS dei genitori. Un posto per dar loro la possibilità di lavarsi, studiare, giocare e avere una speranza”.

La modalità di sostegno al Cesvi non si limiterà a un bonifico ma cercherà di coinvolgere anche i clienti e gli agenti esteri dell’azienda di trasporti. Il calendario sarà infatti distribuito in 400 copie e sarà accompagnato da due lettere di Logimar e di Cesvi, in italiano e in inglese, nelle quali si spiega che ogni altro contributo che sarà ricevuto dal Cesvi con la causale “Logimar x l’Africa” sarà raddoppiato dall’azienda bergamasca di spedizioni.

L’iniziativa è piaciuta a Confindustria Bergamo e alla neonata associazione bergamasca L’Arca di Leonardo che hanno concesso il loro patrocinio.

“Ci siamo dati un obiettivo di 10.000 euro – anticipa Saponaro – di cui la metà raccolto tra i nostri partner e la campagna “social”.

Il calendario di Logimar è diventato negli anni un appuntamento rituale e divertente, atteso dai clienti e dagli agenti sparsi nel mondo. “Quello del 2018 – spiega Saponaro – punta tutto sul coinvolgimento. Dei nostri clienti e partner esteri innanzitutto, chiedendo loro di partecipare alla raccolta fondi. Ai nostri fornitori abbiamo chiesto invece di entrare nell’immagine, nel supergruppo di We are the World 2018”.

E così, nella fotografia di We are the World, insieme ai 20 dipendenti Logimar si trovano anche i sales manager di alcune tra le più importanti Compagnie Marittime: la sudafricana Safmarine oggi del gruppo AP Moller (con Marina Bacci), la cinese Cosco (con Ferruccio Bombelli), l’italiana Ignazio Messina (con Emanuele Messina e Alessandro Rabbia), la taiwanese Yang Ming (con Marco De Gaetano). E poi gli agenti doganali: la LCA di La Spezia e la GST di Genova. E i trasportatori locali: la CDM di Gorlago e la ASA Trasporti di Grassobbio.

“Vogliamo dire grazie di cuore a tutti – conclude Saponaro -. A chi ha voluto unirsi a noi nella foto, preparandosi per giorni, cercando nel fondo dell’armadio il maglione vintage o la parrucca di carnevale e a chi contribuirà con un versamento alla Casa del sorriso per i bambini di Harare”.

CALENDARIO DRAFT 2018

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.