La Nutella cambia ricetta e in Germania i consumatori protestano: #boycottNutella - BergamoNews
Il caso

La Nutella cambia ricetta e in Germania i consumatori protestano: #boycottNutella

A qualcuno la variazione della ricetta della crema spalmabile attuata dalla Ferrero non è proprio andata giù, tanto che è partita da Amburgo la campagna di boicottaggio del celebre dolce made in Italy

Un cambiamento quasi minimo, che non ha di fatto alterato il sapore della crema spalmabile più famosa del mondo. Ma in Germania la variazione della ricetta della Nutella attuata dalla Ferrero non è proprio andata giù, tanto che è partita da Amburgo la campagna di boicottaggio del celebre dolce made in Italy.

Un’associazione tedesca di consumatori, infatti, ha notato un cambiamento nelle proporzioni degli ingredienti sull’etichetta e ne ha chiesto spiegazioni alla stessa Ferrero. In particolare, si sarebbe evidenziato un aumento della quantità di zucchero, passata dal 55,9 al 56,3% del prodotto, e del latte scremato in polvere, salita dal 7,5 all’8,7%. Risultato? Una Nutella dal colore leggermente più chiaro, con una riduzione in percentuale di cacao e nocciole.

Ferrero, dal canto suo, avrebbe confermato le variazioni della ricetta, specificando però che si tratta di un semplice aggiustamento di routine e che la qualità e le altre caratteristiche del prodotto rimangono invariate.

La spiegazione, però, non sembra essere stata particolarmente convincente, tanto che l’hashtag è diventato virale in Germania e viene utilizzato ancora a distanza di giorni dal suo lancio.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it