A Zogno l'assemblea di Confindustria vara l'era Scaglia - BergamoNews
Val brembana

A Zogno l’assemblea di Confindustria vara l’era Scaglia

"La persona al centro dell'innovazione" sarà il tema affrontato il 7 novembre durante l'assemblea generale di Confindustria Bergamo, aperta al pubblico, che si terrà nella sede di CMS Industries a Zogno (ingresso da via A. Locatelli, zona industriale 5).

“La persona al centro dell’innovazione” è il tema che apre martedì 7 novembre alle 14.30 l’assemblea di Confindustria Bergamo. Un’assemblea che, come ormai da alcuni anni, si svolge in imprese o luoghi deputati all’industria e che quest’anno si svolgerà nella sede della CMS Industries di Zogno, quindi per la prima volta in Valle Brembana.

Sarà un’assemblea aperta al pubblico e che ha come obiettivo di concentrarsi su come l’introduzione, sempre più rapida, di nuove tecnologie stia cambiando il modo di vivere e di lavorare di ognuno di noi, sulle opportunità da cogliere e su come sia possibile garantire che la persona rimanga al centro e non subisca questi processi.

Ne parleranno Salvatore Majorana, Direttore del Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso, Maurizio Ferrera, Professore di Scienza Politica dell’Università di Milano, Stefano Sacchi, Presidente Inapp, Istituto Nazionale per l’Analisi delle Politiche Pubbliche (ex ISFOL) e Professore di Scienza Politica dell’Università Statale di Milano, Andrea Pontremoli, Amministratore Delegato Dallara Automobili Spa.

Seguiranno gli interventi di Stefano Scaglia, Presidente di Confindustria Bergamo, e di Vincenzo Boccia, Presidente di Confindustria. Modererà il dibattito Dario di Vico, giornalista del Corriere della Sera.

leggi anche
  • L'intervista
    Scaglia: “Assemblea di Confindustria a Zogno, la ripresa parte anche da qui”
    stefano scaglia
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it