BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Mandante di estorsioni con metodi mafiosi”: arrestato imprenditore bergamasco

La Guardia di Finanza di Firenze lo ha arrestato con l'accusa di estorsione aggravata dal metodo mafioso: per recuperare i crediti che vantava avrebbe contattato un gruppo di calabresi ritenuti membri di una cosca di 'ndrangheta.

Sono accuse pesantissime quelle con cui la Guardia di Finanza di Firenze ha dato esecuzione a cinque ordinanze di custodia cautelare disposte dal gip Francesco Bagnai e richieste dal procuratore capo della Procura direzionale distrettuale antimafia Giuseppe Creazzo: estorsione aggravata dal metodo mafioso e bancarotta preferenziale. 

gdf firenze

In manette è finito anche un imprenditore bergamasco, titolare di una ditta di import/export di frutta e verdura della provincia che secondo gli inquirenti sarebbe il mandante di una serie di estorsioni ai danni di due fratelli fiorentini nei confronti dei quali vantava dei crediti mai riscossi. 

Per recuperare quella somma, secondo gli inquirenti, l’imprenditore avrebbe contattato un gruppo di calabresi residenti in Toscana nei confronti dei quali le Fiamme Gialle avevano già avviato delle indagini in quanto sospettati di far parte della cosca De Stefano-Tegano e di riciclare denaro di provenienza illecita: indagini che hanno fatto emergere una serie di estorsioni avvenute nel capoluogo toscano ma anche in tutta la regione, così come in Piemonte e Lombardia.

A Firenze il gruppo avrebbe agito nei confronti dei due fratelli imprenditori che operavano al mercato ortofrutticolo Mercafir, dove avvenivano gli incontri, e la cui azienda è fallita nel 2013: con le minacce e l’uso della forza i calabresi avrebbero provocato la bancarotta preferenziale. 

Ricostruita la rete di relazioni e il mandante dell’estorsione, la Guardia di Finanza ha arrestato e portato in carcere tre persone, tra le quali l’imprenditore bergamasco, mentre per altre due accusate di estorsione si è scelta la via degli arresti domiciliari: dieci in tutto gli indagati, con perquisizioni tra le province di Bergamo, Reggio Calabria e Trento.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.