BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Aggiorna i tuoi dati”: l’ultima truffa via sms denunciata dalla polizia postale

La raccomandazione è di non cliccare mai sui link che solitamente conducono alle richieste di aggiornamento di dati personali o bancari

Più informazioni su

Ancora una volta hacker e truffatori telematici in azione. Il classico invito ad aggiornare il profilo anagrafico su un link che poi serve a fregarci le credenziali bancarie appare come un innocuo messaggino. Si tratta dell’ennesima truffa che può pervenire sui nostri dispositivi connessi per carpire i riferimenti utili per accedere al conto corrente. Ed è proprio il tono del messaggio che può pervenire tramite sms o messaggerie istantanee che sono ancora tanti i cittadini che continuano a cascarci.

Ma basta essere solo un po’ attenti quando si aprono e leggono i messaggi che si può evitare di finire nella trappola.

La polizia postale ha segnalato il pericolo con l’ennesimo post sulla sua pagina Facebook “Commissariato di PS On Line – Italia”, con il quale ha pubblicato una foto del messaggio utilizzato dagli hacker, che rimanda ad un link denominato www.aposte.it e che non bisogna assolutamente cliccare.

Questo il testo dell’allerta della Polizia Postale: “LORO dicono che eviterai un sospeso ma per noi non eviterai una truffa”.

Il modo migliore per difendersi, ricorda ancora una volta Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è quello di non rispondere mai a questi messaggi truffaldini e quindi di non cliccare sui link cui solitamente conducono o rispondere alle richieste di aggiornamento di dati personali o bancari.

È bene continuare ad informare gli utenti che Poste Italiane non utilizza mai queste modalità per le proprie procedure o attività. Bisogna, quindi, solo prestare più attenzione, cestinare il messaggio, e, come ripetuto, evitare di cliccarci sopra o seguire le istruzione riportate.

Nel caso siate comunque incappati nella frode potrete rivolgervi agli esperti della nostra associazione tramite i nostri contatti email info@sportellodeidiritti.org o segnalazioni@sportellodeidiritti.org per valutare immediatamente tutte le soluzioni del caso per evitare pregiudizi.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.