BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Pensioni, l’ex ministro Fornero: “Rischioso il rinvio dell’aumento dell’età pensionabile”

Elsa Fornero è intervenuta nella mattina di giovedì 2 novembre ai microfoni di ECG, il programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio su Radio Cusano Campus, l'emittente dell'Università degli Studi Niccolò Cusano.

Elsa Fornero è intervenuta nella mattina di giovedì 2 novembre ai microfoni di ECG, il programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano.

Sulla legge di bilancio: “Riflette molto due circostanze. Da un lato i vincoli che ci sono ancora, perché non abbiamo grande risorse da utilizzare. Ma riflette anche il periodo preelettorale e il fatto che si deve cercare di non scontentare nessuno. Spesso la politica mostra un’assenza di coraggio e non dà il buon esempio. Non dice ai cittadini che le circostanze sono difficili e cerca di andare avanti posticipando i problemi. Ha paura di affrontare misure impopolari spiegandole ai cittadini spiegandogli che c’è la necessità di fare certe cose”.

Sull’aumento dell’età pensionabile: “Il rinvio dell’aumento dell’età pensionabile è rischioso. Ci sono delle scadenze stabilite per legge e queste scadenze vanno rispettate. Vogliamo cercare, e questo sì che andrebbe fatto, di risolvere il problema delle categorie maggiormente in difficoltà? Rivediamo la legge sui lavori usuranti. Vediamo eventualmente la possibilità di aggiungere certe categorie per persone che hanno affrontato lavori difficili, che effettivamente richiedono anche una prestanza non solo fisica ma anche mentale e facciamo delle eccezioni. Però la regola è la regola e rimandare al futuro è espressione di mancanza di coraggio politico e furbizia preelettorale. Ogni posticipo di problemi è un danno fatto alle generazioni giovani e future. I problemi si affrontano a viso aperto spiegando alle persone che cosa e perché si fa. Qualcuno pensa che in sei mesi si possa affrontare quello che ci trasciniamo da così tanto tempo?”

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.