Quantcast
Colpo nella notte in pieno centro: spaccata alla Pellicceria Pagano - BergamoNews
In via sant'orsola

Colpo nella notte in pieno centro: spaccata alla Pellicceria Pagano

I malviventi sono entrati in azione attorno all'1: dopo aver lanciato l'auto contro la vetrina, si sono introdotti nel negozio, facendo razzia di capi pregiati.

Un colpo velocissimo, sicuramente opera di gente esperta: l’auto usata come ariete, la razzia di capi pregiati nel giro di due-tre minuti.

Colpo grosso alla Pellicceria Pagano di via Sant’Orsola a Bergamo nella notte tra mercoledì 1 e giovedì 2 novembre, attorno all’1: i malviventi sono arrivati a bordo di un suv e l’hanno lanciato contro la vetrina, creando il varco tramite il quale poi si sono introdotti all’interno del negozio.

Secondo alcuni residenti, che si sono svegliati in seguito al botto, i malviventi erano almeno tre, tutti incappucciati.

Obiettivo della banda cappotti e pellicce, circa una novantina secondo una prima stima, del valore compreso tra 400 e 500 mila euro: sul posto si sono subito precipitati una volante della vigilanza privata e la polizia ma gli autori del colpo si erano già dati alla fuga lungo via Sant’Alessandro. Il colpo è stato messo a segno solo al piano terra del negozio, con alcuni capi abbandonati all’interno e subito fuori dal locale.

Per risalire agli autori della spaccata torneranno probabilmente utili le immagini registrate dalle telecamere di videosorveglianza della zona.

Insegna storica della moda bergamasca dal 1950, anno di arrivo a Bergamo del suo ideatore Giuseppe Pagano, di origini lucane, soprannominato il sarto dei vip: dallo storico negozio che si affacciava su via Monte Sabotino e piazza Dante al trasferimento in via Sant’Orsola nel 2013. In quei locali, di oltre 540 metri quadri, hanno poi preso posto altre quattro attività, da Tresoldi al Bù Cheese bar, da un parrucchiere al negozio di arredamento interni.

Nel 1987 Pagano aveva già subito una rapina: allora gli inquirenti, in due anni di indagini, avevano individuato tutti i colpevoli e recuperato parte del bottino. 

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI