BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Alunni accompagnati? I genitori fuori dalle medie: “Regna la confusione”

Prevista una delega che permette a un 'tutor' di prendere in consegna fino a 5 studenti. I commenti: "Così si dà poco spazio ai bimbi per diventare autonomi"

“Così tanti genitori fuori da scuola raramente li avevo mai visti”. È il commento di una delle mamme che lunedì 30 ottobre erano fuori dai cancelli dell’Istituto Comprensivo di via Libertà a Gorle; dove – come previsto dalla circolare emanata dall’Istituto lo scorso 27 ottobre (leggi qui) – i genitori si sono ritrovati per accompagnare a casa gli studenti delle medie. Alle 13, però, è arrivata la notizia di una seconda circolare, che di fatto ‘scavalca’ quella precedente: “In via provvisoria e solo sino a sabato 4 novembre, per quanto riguarda la consegna degli alunni, rimarranno in vigore le consuete modalità in uso”. Nei giorni scorsi non sono infatti mancati alcuni episodi di tensione tra un piccolo gruppo di genitori ed esponenti del personale scolastico: ragione che ha spinto la dirigenza dell’Istituto a temporeggiare (leggi qui).

Scuola Gorle

Una decisione probabilmente doverosa, soprattutto alla luce dei pareri che vanno per la maggiore tra i genitori: “Così si dà poco spazio ai bimbi per diventare autonomi – commenta un papà fuori da scuola – dall’altro si complica la vita alle famiglie nel gestire le incombenze del quotidiano”.

Gli fa eco Simone Scagnelli, genitore e presidente dell’Associazione abitanti Quartiere Baio: “Le famiglie non hanno avuto molto tempo per organizzarsi, ma le regole ci sono e adesso sta a noi viverle in modo propositivo”.

Tant’è che i familiari degli alunni avevano già iniziato a organizzarsi: “Putroppo c’è tanta confusione attorno alla vicenda – aggiunge una mamma -. Ci è stato consegnato un foglio con una delega che permette di prendere in consegna fino a cinque persone. Bisogna fornire un documento di identità e poi una persona di fiducia può venire a prendere i bambini. Certo che questo non aiuta granché la loro fiducia e autonomia”.

Un escamotage, quest’ultimo, che tuttavia non cancella i dubbi: “Dal punto di vista burocratico anche questo tipo di operazione rischia di essere farraginosa”, spiega il preside Cesare Botti che starebbe pensando di limitare gli accessi per permettere al personale di monitorare con più facilità il via vai ai cancelli. Una prospettiva, quest’ultima, che non trova granché d’accordo l’amministrazione comunale: “Se da un lato abbiamo trovato intelligente l’idea di lasciare più tempo ai genitori per organizzarsi, dall’altro invitiamo l’Istituto a ragionare insieme su altre possibili decisioni – afferma il sindaco Giovanni Testa -. Così facendo, i genitori che devono venire a prendere i figli fuori da scuola si riverserebbero in via Libertà, con tutto quel che potrebbe conseguirne in termini di traffico e viabilità”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.